Di Canio manda un toccante messaggio agli ebrei

"Le leggi razziali volute da Mussolini sono state una terribile infamia per la storia del nostro Paese", scrive tra l'altro l'ex calciatore

Fonte: Getty Images

Paolo Di Canio è tornato a parlare dopo lo scandalo che l'ha visto coinvolto il settembre scorso, quando è stato allontanato da Sky Sport per aver mostrato il tatuaggio sul suo bicipite destro, con la scritta "Dux".

Le polemiche sull'accaduto non si sono ancora placate, tanto che il diretto interessato è intervenuto pubblicamente per mettere a tacere le voci sul suo conto.

Di Canio ha scritto una lettera a Noemi Di Segni, presidente dell'Unione delle Comunità ebraiche in Italia, pubblicata su moked.it, il portale dell'ebraismo italiano.

"Gentilissima dott.ssa Di Segni,

Le scrivo perché vorrei, attraverso di Lei, rivolgere un messaggio alle Comunità ebraiche che rappresenta. So che è a conoscenza della mia vicenda personale, non ho bisogno di riassumerla in questa circostanza; certamente, in questo periodo di tempo lontano dalla mia dimensione pubblica, ho avvertito profonda l’amarezza per essere ancora considerato negativamente per le espressioni e i miei gesti passati, sino ad essere rappresentato come non sono.
Vorrei trovare un modo per definire una volta per tutte questa situazione. Lo devo prima di tutto alla mia famiglia, in particolare alle mie figlie che non possono ritrovare il padre e tutto quello che ho loro insegnato, nella figura di chi viene ancora dipinto come violento, razzista e antisemita. Non lo sono mai stato e non lo sono affatto.

Sento allora di dover tornare su un argomento che pensavo di avere già chiarito in passato: non ho e non voglio avere niente a che spartire con idee antisemite, razziste, discriminatorie, violente. Ritengo, senza se e senza ma, che le leggi razziali volute da Mussolini siano state una terribile infamia per la storia del nostro Paese. Un’infamia che causò un’immane tragedia per migliaia di ebrei in Italia. Questa è la mia posizione convinta e determinata.

Qualche anno fa ho chinato la testa di fronte al dolore di alcuni superstiti di Auschwitz che ho conosciuto nel corso di un incontro a Roma. Essendo io un personaggio pubblico credo di dover dar conto di questo mio sentire così da contribuire, per quanto mi è dato, ad una sensibilizzazione dei nostri giovani verso sentimenti di solidarietà e rispetto, per unire e non per dividere, contro ogni forma di odio, di antisemitismo e di razzismo. Tanto che La autorizzo, se ne avesse intenzione, a rendere pubblica questa mia lettera e nel contempo Le comunico la mia disponibilità ad incontrarLa personalmente, per esprimerLe anche a voce questi miei pensieri; e, magari, in quel contesto, potremmo anche individuare un luogo simbolico, nel quale trovarci assieme per rendere omaggio alla memoria di chi soffrì.

Dopo quello che, mio malgrado e contrariamente alla mia volontà, è recentemente accaduto, voglio dunque ribadire questi miei convincimenti, scrivendo alla Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane perché ne sia portavoce verso tutte le Comunità così da chiudere una pagina recente di dolore e di amarezza, anche per me.

Cordialmente.

Paolo Di Canio".

Noemi Di Segni ha risposto all'ex calciatore: "I tempi che viviamo impongono grande attenzione alle parole che usiamo, ai gesti che compiamo e ai simboli che accompagnano la nostra vista privata ed in pubblico. Un senso di responsabilità, nell’arginare ogni forma di odio, che grava ancor più a chi si rivolge al grande pubblico e che ricoprendo un preciso ruolo ha una chiara riconoscibilità mediatica, e inevitabilmente concorre a formare le coscienze e le opinioni soprattutto dei giovani".

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti