Dieci cose che non sapevi di voler sapere sul sesso

Dal pornokaraoke al museo del pene, ecco quello che forse vi era sfuggito finora

14 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

Siete sicuri di sapere già tutto sul sesso? Forse ci sono aneddoti e curiosità che vi sfuggono, ma per rimediare vi vogliamo parlare di 10 cose che non sapevate di voler sapere a tal proposito. A renderci edotti in materia è il libro di Daniel Giunti – psicologo e sessuologo – “Sessuologia, tutto quello che non sapevi di voler sapere sul mondo del sesso”, edito da Gribaudo.

“In questo libro ho voluto raccontare la sessualità con uno sguardo inedito, volutamente ironico, fornendo dati e aneddoti in un’ottica nuova, per dimostrare che non esistono modi giusti e sbagliati di vivere il sesso, ma solo preferenze più frequenti o più atipiche“, spiega l’autore, come riporta Vanityfair.it.

Il primo vibratore, ad esempio, era un contenitore di forma fallica con dentro api vive che muovendosi vibravano. Questo dispositivo pare essere legato alla figura di Cleopatra.

Nel 2019 a Londra, in Camden Market, ha aperto il Vagina Museum con lo scopo di diffondere informazioni corrette sulla vagina e la vulva, permettendo alle persone di acquisire maggiore consapevolezza, di abbattere i tabù e di combattere i pregiudizi e lo stigma che possono associarsi alle problematiche ginecologiche.

Per par condicio esiste anche il museo dedicato al membro maschile. Il Museo Fallologico Islandese si trova a Reykjavík e contiene una collezione di 209 peni e parti di pene appartenenti a tutti i mammiferi terrestri e marini presenti in Islanda.

Stando a un sondaggio del sito d’incontri Saucy Dates, il 78% degli intervistati vorrebbe fare sesso in aereo e il 5% ha dichiarato di averlo già fatto. Tra questi, il 37% lo ha fatto con il partner, il 30% con uno sconosciuto, il 18% con un membro dell’equipaggio e il 15% con un amico.

Tra le fantasie sessuali più diffuse c’è quella di farsi sculacciare da Babbo Natale, con un’impennata di ricerche a tema nel periodo natalizio chiaramente.

I partner infedeli rischiano grosso. Diversi ricercatori hanno dimostrato che gli effetti psicologici del tradimento – ansia, stress, sensi di colpa – possono predisporre maggiormente all’infarto le persone che tradiscono.

Dal 2014 le donne possono pagare nei negozi mostrando il seno alla cassa. Ciò “grazie” alla criptovaluta di Pornhub “titcoins”. Basta entrare nei negozi che in vetrina hanno un apposito adesivo, scegliere la merce e mostrare in cassa il seno al cassiere che, tramite un’app, scatta la foto e la manda a Pornhub.

Amanti del kamasutra sappiate che uno studio pubblicato sulla rivista Advances in Urology ha evidenziato che la posizione della cowgirl (nota anche come “dell’amazzone” o “di Andromaca”) sarebbe causa di circa la metà dei traumi da frattura del pene.

Infinita tristezza ci coglie nell’apprendere che da un sondaggio citato dalla terapeuta sessuale McGrath in un suo TEDx Talk è emerso che il 10% delle persone controlla lo smartphone durante il rapporto, mentre il 35% lo controlla immediatamente dopo.

C’è chi è un campione al karaoke, e chi al pornokaraoke. Si tratta di doppiare, con tanto di gemiti e gridolini, spezzoni di film porno. Questo divertente passatempo sembra sia nato a Berlino nel pub Zum Starken August.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti