DOC, Luca Argentero: "Non farei il medico neanche sotto tortura!"

Al via i nuovi episodi di ‘DOC – Nelle tue mani’, serie di cui l’emergenza sanitaria aveva interrotto le riprese. Intervista a Luca Argentero.

8 Ottobre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Il dott. Andrea Fanti è ormai entrato nelle case di milioni di italiani e, dopo i primi episodi, si prepara a tornare in prima serata. Da giovedì 15 ottobre in prima serata su Rai1, infatti, vanno in onda i nuovi episodi della serie ‘DOC – Nelle tue mani’, le cui riprese erano state interrotte in primavera a causa dell’emergenza sanitaria scatenata dal Coronavirus.

Tornare sul set, per quelli che Luca Argentero definisce “piccoli francobolli” a completamento della stagione, è stato per il cast un’immensa gioia. “Penso di parlare a nome di tutti i colleghi – ci racconta lo stesso attore torinese – È stato bellissimo riprendere a lavorare, significava tornare a una parvenza di normalità anche se strana. E poi, forti del risultato ottenuto, c’era euforia nell’aria: non vedevamo l’ora di far conoscere la versione di Andrea Fanti che abbiamo lasciato in sospeso.”

Che cosa succederà, dunque, nei prossimi episodi? Difficile, anzi impossibile, scucire qualche anticipazione ad Argentero, Gioli & Co. ma le aspettative sono innegabilmente elevate. “Nella prima parte c’è stata una sequenza incredibile di avvenimenti che hanno descritto quello che era il dottor Fanti. – riallaccia i fili il protagonista – Poi abbiamo visto dei flashback di Andrea da giovane e poi c’è il nuovo Andrea, che è la somma di quello che gli è successo.

Sta imparando un altro modo di fare il medico, più rivolto verso il paziente e con maggiore empatia. Come lui, anche alcuni medici della squadra erano incanalati nella vecchia versione ma in questa nuova versione Fanti è poco più di uno specializzando.” Oltre al lavoro, nei corridoi dell’ospedale fioriscono le storie umane di medici, infermieri e pazienti a partire dalla relazione di Fanti con la ex moglie Agnese (Sara Lazzaro) e la ex amante Giulia (Matilde Gioli).

Abbiamo lasciato Fanti che si è riavvicinato ad Agnese – ricorda Argentero – quindi Giulia e Andrea vivono un momento cruciale. Per questo, Giulia vive sentimenti contrastanti e nelle prossime serate succederanno talmente tante cose… Da spettatore è una delle primissime volte che riesco a godermi quello che ho fatto davanti al televisore, aspettando la pubblicità per potermi allontanare.  

Per ora, posso dire che nella prima parte della stagione ci sono state molte domande aperte e finalmente, in queste nuove puntate, alcune risposte arrivano ma alcune resteranno aperte immaginando, si spera, un seguito. Mi sento anche di dire che poter lavorare con il protagonista reale della storia (il dottor Pierdante Piccioni, ndr) è stato un lusso.”

Di certo, interpretare un medico specialmente in questi mesi così delicati non è stato semplice. “All’inizio avevo una grande preoccupazione nel dover raccontare una categoria per cui non puoi approssimare o sbagliare troppo. – confessa Luca Argentero – Il senso di responsabilità era tecnico, cioè legato all’idea che un medico guardando la serie non si sentisse mal rappresentato.

Da questo punto di vista siamo stati attenti a ogni particolare e finora nessuno di noi ha ricevuto critiche, anzi medici e infermieri si sono dimostrati contenti di come avevamo restituito la loro professionalità.” Ma Luca Argentero come si vede rispetto al suo Andrea Fanti? “Io e Fanti non potremmo essere più diversi. Lui è quanto di più lontano da me stesso: io sono torinese e sono il re della diplomazia – afferma sicuro e con il sorriso, chiosando – E poi, personalmente, non farei mai il medico, neanche sotto tortura!”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti