Dormi male? Tieni questa pianta nella camera da letto, ti aiuterà

Avere aria pura in camera da letto permette di dormire meglio, alcune piante possono aiutarci: scopriamo insieme quali sono le più adatte

30 Gennaio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Capita spesso di non riuscire a prendere sonno facilmente la sera: i pensieri vagano nella nostra testa, lo stress della giornata pesa ancora sulle spalle e gli impegni per il giorno dopo si fanno sentire!

Inoltre ad aumentare la difficoltà di un buon riposo che ci permetta di ricaricare le batterie concorre spesso anche la temperatura eccessivamente alta in camera da letto, senza contare che l’aria della stanza può risultare greve e causare di conseguenza fastidi nella respirazione.

Tutti questi fattori contribuiscono a farci perdere ore preziose di sonno (un metodo veloce per dormire? Non contate le pecore ma… Qui il trucchetto), tuttavia a portata di mano abbiamo una soluzione semplice, efficace, economica e per giunta esteticamente interessante.

Esistono infatti alcune piante, di facile reperimento, che hanno la spiccata capacità di purificare l’aria interna nei nostri appartamenti assorbendo anidride carbonica e pompando ossigeno; inoltre – aspetto da non sottovalutare – riescono anche ad assorbire la formaldeide, sostanza che si trova nei rivestimenti dei mobili oppure in numerosi detergenti.

La prima pianta che può aiutarci ad avere aria pulita in camera da letto è la Sansevieria: la più comune ha le foglie screziate di bianco ed è conosciuta anche come pianta serpente o lingua della suocera. Essa è in grado di filtrare l’ossigeno e eliminare le tossine oltre che limitare le irritazioni oculari (ti capita di svegliarti con gli occhi incollati? Ecco da cosa può dipendere), i disturbi respiratori e migliorare i nostri livelli di energia.

Il potos, dalle grandi foglie a forma di cuore, è eccellente nel rimuovere sostanze volatili particolarmente nocive che inquinano – in modo subdolo e invisibile – l’aria della stanza da notte e del resto della casa. La formaldeide, per esempio, viene rilasciata anche dal legno del parquet e dai cosmetici oltre che dai mobili o dai detersivi e il potos la combatte crescendo rigoglioso e velocemente. Basta però evitare di esporlo alla luce diretta del sole e annaffiarlo quando ne ha bisogno.

Infine, per assicurarvi un sonno tranquillo, vi consigliamo di portare in camera l’areca palmata che grazie alla sua forma, è capace di assorbire notevoli quantità di anidride carbonica e trasformarla in ossigeno. Oltre ad abbellire la camera, purificherà l’aria molto velocemente ma solo se ci sono 4 piante di areca palmata a persona.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti