Dubai, come funzionano i droni che creano pioggia artificiale

Ecco come i ricercatori cercano di ricostituire le falde acquifere indebolite

30 Luglio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

Le questioni che riguardano il clima si fanno sempre più sentire. Da più parti è un coro unanime di voci che ricordano come la temperatura del pianeta si stia innalzando sempre di più, con tutti i problemi che ne conseguono. Cercare di combattere il riscaldamento globale è la grande sfida della nostra generazione, e per questo motivo gli uomini di scienza corrono ai ripari come possono. Anche attraverso droni chiamati a far cadere un po’ di pioggia.

Come riporta Hypebeats.com, i ricercatori del Max Planck Institute prevedono che entro il 2050 le temperature estive in alcune parti del Medio Oriente e del Nord Africa rimarranno superiori a 86ºF (ovvero 30ºC) durante la notte e saliranno a 114ºF (46ºC) nelle stagioni più calde. Anche la piovosità media negli Emirati Arabi Uniti è inferiore a 4 pollici (10 centimetri) all’anno.

Al fine di ricostituire le falde acquifere indebolite, ridurre la dipendenza da costosi impianti di desalinizzazione per l’acqua e abbassare le temperature bollenti, gli Emirati Arabi Uniti hanno lavorato con i ricercatori dell’Università di Reading per una soluzione. Droni senza equipaggio che scaricano elettricità sono stati inviati nelle nuvole per incoraggiare le gocce d’acqua più piccole a condensarsi in quelle più grandi che alla fine cadono sotto forma di pioggia.

Questa idea di inseminazione delle nuvole esiste dal 1923 ed è stata utilizzata dai paesi per alleviare l’inquinamento atmosferico e far crescere la neve sulle cime delle montagne. Tuttavia, in un’intervista con Gizmodo, Janos Pasztor, membro anziano del Carnegie Council e direttore esecutivo della Carnegie Climate Geoengineering Governance Initiative, avverte che “tale modifica del clima non ‘produce’ pioggia in quanto tale. Piuttosto, fa piovere da qualche parte, il che significa che non accadrà da qualche altra parte. Ciò significa immediatamente che gli ecosistemi e le persone che vivono altrove, dove avrebbe piovuto, non riceveranno più questa pioggia”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti