È nato Quarantena, raro incrocio fra una mula e un asino

A Tuscania si festeggia l’arrivo di Quarantena, un puledro nato da una mula e un asino accudito con le cure più attente per la sua rarità.

26 Giugno 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Fiocco azzurro a Tuscania, in provincia di Viterbo, dove è avvenuto un evento eccezionale. È nato, infatti, Quarantena, raro puledro nato dall’incrocio fra una mula e un asino amiantino il cui nome si lega al periodo di lockwdon che ha visto l’animale venire alla luce. Per capire l’eccezionalità di quanto accaduto, basta una considerazione: dal 1527 a oggi, in tutto il mondo, i parti di mula sono stati circa sessanta in tutto e solo cinque da quarant’anni a questa parte. Un numero davvero esiguo.

La notizia ha ovviamente entusiasmato la comunità di studiosi che hanno festeggiato Quarantena, creatura metà mulo e metà asino. “È venuto alla luce per caso, nell’azienda di una famiglia che tiene alcuni equidi per passione e affezione, senza farne in alcun modo commercio”, ha spiegato a Repubblica il veterinario Maurizio Monaci, docente presso il Dipartimento di medicina veterinaria all’Università degli Studi di Perugia.

La famiglia che possiede l’azienda si è accorta che la mula Tuona si stava ingrossando in maniera anomala, ma inizialmente nessuno ha pensato all’asino Lampo. Così, “nell’incredulità generale, la femmina ha partorito da sola, in modo perfettamente naturale”, si legge ancora sul blog Il richiamo della foresta di Repubblica.

E l’attitudine materna di Tuona si è subito rivelata spiccata nonostante il poco latte prodotto. Per questo si è reso necessario il supporto del latte artificiale per nutrire adeguatamente Quarantena. Oggetto di cure attente, il puledro sarà anche studiato geneticamente da medici italiani e inglesi che interverranno “nel modo meno invasivo che si possa immaginare”, promette Monaci.

Vivace e in ottima salute, Quarantena ha un patrimonio genetico prezioso che però non permette di conoscerne l’aspettativa di vita. Le analisi che verranno condotte serviranno anche per capire questo. E intanto il puledro scorrazza felice con mamma e papà.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti