Enrico Ruggeri festeggia i suoi 60 anni insieme ai Decibel

Enrico Ruggeri spegne oggi 60 candeline. Per celebrare questo traguardo, il cantante ha deciso di regalarsi un 2017 speciale fatto di musica

Fonte: Getty

Enrico Ruggeri festeggia i 60 anni vivendo intensamente un tour che lo tiene a stretto contatto con il suo elemento naturale: la musica. La reunion con i Decibel, dopo 40 anni di silenzio, è stata un autentico successo grazie al loro nuovo album di inediti, “Noblesse Oblige”.

Il cantante milanese spegne 60 candeline oggi, il 5 giugno 2017, nel corso di un anno di grandissime soddisfazioni personali. Non solo l’album con i Decibel, ma anche l’uscita del nuovo libro “Sono stato più cattivo” e del tour che, solo pochi giorni fa, gli ha fatto calcare i palchi di Vercelli e di Ravarino.

“Sono Stato Più Cattivo” è un memoir letterario in cui Enrico Ruggeri racconta, all’alba dei primi sessanta, la sua vita sulle montagne russe. Con l’acuto umorismo che lo distingue, il cantante condivide la storia del suo viaggio costellato di grandi gioie e fallimenti che hanno formato il suo carattere e la sua maturità musicale. Enrico Ruggeri ne ha fatta, di strada, da quando nel 1975 – come racconta nel suo libro – cerca di fare colpo su una bella ragazza di Londra, sussurrandogli all’orecchio che un giorno, lui, autoproclamatosi musicista, scriverà canzoni su cui la gente potrà ballare. La ragazza fa una smorfia, non ci crede molto: eppure un paio d’anni dopo Enrico Ruggeri firma il suo primo contratto discografico. Segue la vittoria schiacciante a Sanremo, nel 1987, con il pezzo “Si può dare di più”, in collaborazione con Umberto Tozzi e Gianni Morandi. La sua carriera decolla con una serie stellare di dischi di platino che lo accompagnano nell’ascesa verso il firmamento della musica italiana.

Con i Decibel, Enrico Ruggeri ha mosso i primi passi nella sua carriera grazie all’amore per la musica di movimento e di ribellione: le sonorità new wave e punk rock dei loro primi album hanno travolto un’Italia ancora piuttosto digiuna di musica alternativa, alla ricerca della sua identità. Ecco come hanno inciso il loro primo disco: “Era il 4 ottobre del 1977. Una sera io e un mio amico attaccammo duemila manifesti con scritto che ci sarebbe stato un concerto dei Decibel in una discoteca, la Piccola Broadway. Li attaccammo la notte vicino alle scuole, ai centri sociali, perché in quel periodo a Milano il potere era della sinistra militante e noi volevamo spiazzare il potere. La sera del “non concerto”, ci godemmo la scena dalla terrazza di casa sua, che dava proprio sul locale. Arrivarono 200 o 300 punk, poi gli antifascisti, i militanti, quelli di Avanguardia Operaia, si menarono, ci furono dei feriti, sapevo che sarebbe finita così. Il giorno dopo i giornali parlavano di disordini al concerto dei Decibel, e noi avevamo la fila di case discografiche che ci chiedevano di fare un disco. Due mesi dopo incidevamo il primo album”.

Enrico Ruggeri festeggia dunque 60 anni di successi in compagnia della bellissima Andrea Mirò, cantautrice, compositrice e compagna di una vita. Il loro matrimonio ha dato la luce a due splendidi ragazzi, Ugo Benedetto ed Eva Clara.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti