Errori da non fare quando si cucina il petto di pollo

Comodo, veloce da cucinare ed anche economico: tutti amiamo il petto di pollo, eppure commettiamo alcuni errori nella sua preparazione. Ecco quali

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Il petto di pollo è uno dei piatti più consumati nelle case degli italiani: una carne bianca, leggera ma nutriente, che si compra al supermercato già tagliata in comode fette o in filetti e che si può cucinare in mille modi, dai più light ai più elaborati. Cosa chiedere di più ad una materia prima?

Proprio perchè parliamo di una carne così duttile è importante cucinarla a puntino, senza commettere errori: vediamo i più comuni.

Il petto di pollo può essere acquistato sia intero che già tagliato a fette: ovviamente quello intero ha un costo minore, ma l’importante è che in tutti e due i casi si faccia ben attenzione alla data di scadenza e all’etichetta. Molti supermercati mettono in sconto la carne vicina alla data di scadenza, ma non è una buona idea quando si parla di pollo, che è una carne molto deperibile e soggetta ad essere colonizzata da batteri pericolosi per l’essere umano: acquistate sempre carne di ottima qualità, dall’aspetto sano e dal colorito omogeneo, e riponetela subito nello scaffale più freddo del vostro frigorifero, soprattutto in estate.

Passiamo alla preparazione: spesso andiamo di fretta e mettiamo direttamente il pollo in padella o al forno. Un vero peccato, perchè con un po’ di marinatura (bastano un paio d’ore) il nostro petto di pollo assumerebbe tutto un altro sapore: si può marinare semplicemente nel latte oppure in olio aromatizzato e spezie, oppure ci si può spingere a marinature più esotiche con yogurt, salsa di soia, arancia e burro di arachidi.

Se cuocete il petto di pollo alla griglia, assicuratevi che la temperatura non sia troppo alta: purtroppo quello è il metodo più sicuro per far diventare secco e stoppaccioso il vostro pollo. Usate un termometro da cucina per assicurarvi che la temperatura interna della carne sia almeno di 74 gradi: una volta raggiunta quella, il pollo può essere mangiato e non deve stracuocere ancora sulla griglia.

Infine, se nonostante tutti gli accorgimenti il vostro petto di pollo risulta comunque  troppo duro, non vi resta che trasformarlo in una buona insalata, ammorbidendolo di nuovo con un buon dressing, ma anche con maionese o yogurt.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti