Esiste un Museo dedicato agli animali microscopici

Un modo per avere un quadro più chiaro della diversità del regno animale

30 Luglio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Oltre il 95% delle specie animali si dice sia più piccolo del pollice, eppure la stragrande maggioranza delle creature esposte nei musei di tutto il mondo sono vertebrati: scheletri di dinosauri, diorami della savana africana con leoni, zebre e bufali e scimmie e uccelli imbalsamati. I grandi animali sono impressionanti da guardare e la loro anatomia è facile da mettere in relazione con quella nostra: scheletri, occhi e arti. Ma concentrarsi solo sugli invertebrati non rappresenta esattamente la diversità del regno animale.

Molti musei hanno migliaia di vetrini per microscopio zoologico di invertebrati, ma pochi li hanno in mostra. Il Grant Museum of Zoology dell’University College di Londra cerca di risolvere questo problema con il suo “Micrarium” dedicato all’estremità più piccola della scala. Ci sono oltre duemila diapositive in mostra nel Micrarium, che rivestono le pareti dal pavimento al soffitto e illuminate da dietro, permettendo ai visitatori di vedere dettagli come i muscoli delle gambe delle pulci e la sezione trasversale di una mosca. Oltre agli animali interi, il Micrarium presenta anche sezioni di animali più grandi come calamari e vetrini al microscopio di balene, mammut e giraffe.

Sebbene duemila siano un sacco di diapositive, grazie alle loro dimensioni, l’intera collezione si adatta perfettamente all’interno di un armadio calpestabile che in precedenza fungeva da ripostiglio. Il soffitto è a specchio, il che dà l’impressione che la collezione continui all’infinito.

Annunciando l’apertura del Micrarium nel 2013, Jack Ashby, direttore del Grant Museum of Zoology, ha scritto: “Il Micrarium al Grant Museum è un esperimento. Stiamo provando qualcosa di nuovo senza una reale idea di come reagiranno le persone. Dato il loro numero – il che significa che i tentativi di etichettarli individualmente sarebbero impossibili – l’intenzione non è che i visitatori ottengano approfondimenti specifici su singoli esemplari o specie, ma per apprezzare l’assoluta vastità della diversità degli invertebrati. Potrebbero esserci 30.000.000 di specie sulla Terra, quasi tutti invertebrati, quindi ovviamente il numero che mostriamo qui è minuscolo, ma è un passo nella giusta direzione per i musei”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti