Fai ginnastica per perdere peso? Cambia mentalità, è meglio

Gli scopi dell'attività fisica dovrebbero essere altri: ecco quali

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Perdere peso può essere una buona motivazione per fare attività fisica, ma non può essere l’unica. Avere fisso in testa l’obbiettivo di salire sulla bilancia per vedere una diminuzione di peso non dovrebbe essere l’unica ragione per allenarsi. Lo sostiene anche Juhee Jhalani, psicologo clinico con sede a New York City.

Non solo questa mentalità crea molto stress, pressione e aspettative non realistiche, ma ha anche una scadenza incorporata: una volta che si è perso il peso desiderato, non si ha più motivo di continuare a fare esercizio. O almeno, finché non si riacquista il peso perduto e allora il circolo vizioso ricomincia. Si tratta inoltre di un modello problematico che mette a maggior rischio di aumento di peso, disturbi alimentari, ansia, depressione, malattie cardiache e obesità, fa sapere Jhalani. (Perché gli orsetti gommosi sono consigliati dopo l’allenamento?)

Cambiare questa mentalità non è semplice, ma ci si può riuscire. Manteniamo ad esempio un registro dell’umore e un diario del sonno. In effetti c’è una correlazione positiva tra attività fisica e buon sonno, aumento dei livelli di energia e umore migliore.

Evitiamo quegli allenamenti che odiamo ma che facciamo solo perché ci consentono di bruciare molte calorie. Concentriamoci invece sul divertimento perché è una componente enorme dell’aderenza a una routine.

Un modo per rimanere entusiasti dell’esercizio può essere trovare attività in linea con le proprie passioni. Se siamo persone socievoli, ad esempio, possiamo prendere lezioni di gruppo, se amiamo stare da soli potremmo fare un’escursione. (Fai lo stesso allenamento ogni giorno? Stai sbagliando)

A volte infilare una sessione di allenamento intenso nelle nostre vite frenetiche può essere stressante. Ma se modifichiamo la nostra mentalità e usiamo i nostri allenamenti per alleviare lo stress può fare un’enorme differenza. “L’esercizio fisico è il miglior antidepressivo”, dice Jhalani. Questo perché l’attività fisica innesca il rilascio di endorfine, che sono ormoni che riducono la percezione del dolore e creano uno stato positivo nel nostro corpo.

Quindi, quando siamo agitati, muoviamo il corpo in qualsiasi modo ci faccia sentire bene. Facciamo yoga, mettiamo della musica e balliamo, andiamo a fare jogging.

A volte si potrebbe non avere la motivazione per allacciarsi le scarpe da ginnastica e fare esercizio. È del tutto normale ma bisogna ribaltare la prospettiva: pensiamola come un’ora preziosa in cui scappare dalla pessima giornata di lavoro e concentrarci sui nostri bisogni.

Quando si tratta dei vantaggi dell’esercizio fisico, perdere peso è solo la punta dell’iceberg. I benefici sono tanti per corpo e mente: riduce il rischio di malattie cardiache, diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro, aumentando così le possibilità di vivere più a lungo. Migliora la salute mentale e l’umore, aiutando a gestire lo stress, l’ansia e la depressione. Rafforza le ossa, migliora l’equilibrio e riduce il rischio di cadute con l’avanzare dell’età. Migliora la funzione cerebrale, il sonno e la salute sessuale.

Infine, impariamo a vedere l’attività fisica come uno stile di vita, non come un obbiettivo. “Accogli i giorni e le volte in cui sarai altamente energico e in grado di raggiungere i tuoi obbiettivi di allenamento, ma accetta ugualmente i giorni in cui il tuo corpo potrebbe spingerti a fare una lunga passeggiata o un po’ di yoga”, conclude Jhalani.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti