Farmaci veterinari, nuove regole dell'agenzia delle entrate

L'Agenzia delle Entrate ha deciso di semplificare la fiscalità relativa ai farmaci veterinari

Fonte: Pixabay

L’Agenzia delle Entrate ha deciso di semplificare la fiscalità relativa ai farmaci. Non sono però stati coinvolti solo i medicinali umani ma anche quelli relativi alla salute dei nostri animali da compagnia. Le spese veterinarie rientreranno nella dichiarazione precompilata. I dati degli acquisti saranno infatti presenti nei database delle farmacie. Inoltre, l’Agenzia ha anche stabilito che basterà conservare solo lo scontrino parlante.

Inoltre l’obbligo di trasmissione telematica dei propri dati relativi agli acquisti dei clienti viene esteso a tutti coloro che vendono al dettaglio medicinali veterinari. Ciò è stato stabilito dalla Legge di Stabilità del 2016 ed obbliga gli esercenti a comunicare queste informazioni al Sistema tessera sanitaria.

Le detrazioni

Sono previste detrazioni importanti. Infatti, si potrà detrarre dall’Irpef il 19% delle spese veterinarie che il cittadino ha dovuto sostenere nel corso dell’anno. La percentuale indica un valore che però non può essere maggiore di 387 euro. Il limite non varia in base al numero di animali posseduti. Le detrazioni, inoltre, riguardano solo gli animali da compagnia o allevati per scopi sportivi. Animali da allevamento, legati al consumo alimentare o da riproduzione, sono esclusi da questi sconti.

Infine, il Ministero della Salute esclude dall’elenco alcuni medicinali veterinari antiparassitari ed alcuni mangimi specifici. Dunque, questi non sono oggetti alle detrazioni su descritte. Anche gli animali utilizzati in attività commerciali ed agricole sono esclusi da tutto ciò. Inoltre, è chiaro che qualsiasi animale non detenuto in maniera regolare o adoperato per iniziative ritenute illecite, non dia diritto ad alcun tipo di risparmio.

L’uomo e gli animali

Questa legge di stabilità prende coscienza del rapporto sempre più stretto che si sta andando a creare tra l’essere umano e i restanti animali. La cura del proprio animale di compagnia prevede spese notevoli. Farlo restare in salute non è cosa semplice, tuttavia non bisogna mai dimenticare che anche loro fanno qualcosa per noi. Non solo ci difendono e ci fanno compagnia, ma aiutano il nostro sistema immunitario.

La nuova presa di coscienza dell’identità degli animali e delle loro sofferenze sta portando a diverse novità. Basti pensare che a Madrid il circo non potrà più ospitare animali selvatici. Inoltre, ormai non si contano più le storie incredibili di affetto che si va a creare tra specie così diverse, come il cane e il ghepardo, per dirne una.

 

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti