Fast Radio Burst: il misterioso rumore che arriva dallo spazio

Ecco cos’è il Fast Radio Burst, il misterioso rumore che arriva dallo spazio e che nessuno riesce a identificare

Si chiama Fast Radio Burst ed è un misterioso rumore che arriva dallo spazio. A studiarlo sono gli astronomi della Cornell University di Ithaca, che ormai da anni tentano di decodificare e di scoprire il più possibile su uno dei fenomeni più incomprensibili e oscuri del cosmo. “Siamo stati i primi a dimostrare che si tratta di un fenomeno cosmologico – ha svelato il professor Casey Law – e siamo i primi a vedere dove questa cosa sta avvenendo, in questa piccola galassia, che credo sia una grande sorpresa”.

Il Fast Radio Burst (FRB), e più specificatamente l’FRB 121102, sarebbe generato – si scopre oggi – da una galassia nana, che si trova ad una distanza di 3 miliardi di anni luce dalla Terra.  La scoperta, realizzata dal team coordinato dal professor Shami Chatterjee, è stata presentata nel corso del meeting dell’American Astronomical Society, in Texas ed è stata pubblicata sull’autorevole rivista “Nature e Astrophysical Journal Letters”.

Il team di studiosi sino ad oggi ha contato diciotto Fast Radio Burst, rumori oscuri provenienti dallo spazio, molto lontano dalla nostra galassia. Questi suoni durano solamente qualche millesimo di secondo, ma hanno un’immensa potenza energetica. Per determinare l’origine di FRB 121102, i ricercatori si sono serviti dei dati forniti da vari osservatori. Prima di tutto dei radiotelescopi del Very Large Array di Socorro ma anche i Telescopi Gemini delle isole Hawaii.

Secondo gli astronomi ogni giorno si verificano oltre 2mila Fast Radio Burst nello spazio, ma solo pochi sarebbero colti dall’attrezzatura posseduta dagli scienziati. L’origine di FRB 121102, determinata finalmente dagli studiosi, consentirà di comprendere meglio questo fenomeno misterioso, cosa sia e cosa l’abbia generato. Le ultime ipotesi parlano di stelle di neutroni, ma anche di magnetar, ossia stelle di neutroni con un forte campo magnetico e di un buco nero che sarebbe collocato nel cuore della galassia nana. Quest’ultima si trova al di fuori del nostro sistema solare nella costellazione Auriga ed ha una massa che è pari all’1% della Via Lattea.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti