Fatturazione elettronica: i rischi per la cybersecurity aziendale

Fonte: Shutterstock

L’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica non è stato affatto un cambiamento privo di difficoltà. Un discorso vero soprattutto per professionisti, artigiani e piccolissime imprese, che si sono trovati a fare i conti con un sistema che, per quanto semplice e intuitivo, ha rappresentato un vero e proprio “cambio di paradigma”.

Può capitare, dunque, che qualcuno abbia preso un po’ sottogamba il passaggio dalla fattura cartacea a quella elettronica, affidandosi a soluzioni magari più semplici da utilizzare, ma meno affidabili da un punto di vista di sicurezza informatica. Anche se Agenzia delle Entrate e Sogei (la società che gestisce il Sistema di Interscambio e l’infrastruttura tecnologica alla base della fattura elettronica) hanno adottato tutte le misure necessarie per garantire i massimi standard di sicurezza, ci sono alcuni rischi legati all’utilizzo della fatturazione elettronica che non vanno assolutamente sottovalutati.

Per questo motivo è più che consigliabile utilizzare software sicuro per la fattura elettronica che, unito a norme di buon senso, elimini (o, quanto meno, riduca al minimo) i rischi per i propri dati e per quelli dei propri clienti.

Fatturazione elettronica: i cyber rischi

Qualunque sistema informatico, per quanto possa essere stato ben progettato, porta con sé rischi potenziali che non possono essere assolutamente sottovalutati. Il sistema della fatturazione elettronica, in particolare, presenta diversi “entry point” che un’organizzazione criminale – oppure un hacker – potrebbe sfruttare per causare danni sia lato “infrastruttura” sia lato “aziende”.

Nel primo caso, l’attacco potrebbe riguardare il Sistema di Interscambio e l’infrastruttura gestita da Sogei. Un attacco DDoS particolarmente potente, ad esempio, potrebbe impedire l’invio e la ricezione di fatture elettroniche, causando danni economici per svariati miliardi di euro. Un attacco di questo genere, infatti, bloccherebbe l’economia del Paese: indipendentemente dalle dimensioni, infatti, nessuna azienda sarebbe in grado di fatturare, con tutte le conseguenze economiche che ciò comporterebbe.

Sul fronte aziendale, invece, gli hacker potrebbero sfruttare qualche falla nel sistema di invio, ricezione e archiviazione scelto dalle singole aziende sia per trafugare dati sensibili (si pensi alle azioni di spionaggio industriale) sia per creare false fatture e provocare squilibri economico-finanziari nei conti aziendali. Le vulnerabilità di un’azienda, poi, potrebbero ricadere sull’intero sistema, attivando una sorta di effetto domino dalle proporzioni difficilmente pronosticabili.

Fatturazione elettronica: come evitare i rischi

Come detto inizialmente, dunque, è necessario mettere in campo una serie di azioni che aiutino a ridurre al minimo i rischi legati all’utilizzo della fatturazione elettronica. Se sul fronte infrastrutturale si può fare ben poco, su quello aziendale le possibili direttrici d’azione sono molteplici.

Prima di tutto, è necessario avviare una “sensibilizzazione” dei dipendenti, che devono comprendere di essere uno degli ingranaggi più importanti dell’intera struttura. Spesso e volentieri, infatti, il fattore umano rappresenta l’anello debole della catena; l’elemento sfruttato dai cyber criminali per riuscire a introdursi nei sistemi informatici aziendali e avviare azioni di spionaggio o sabotaggio.

Deve essere poi effettuata un’analisi del rischio tecnologico, che aiuti a individuare soluzioni e piattaforme che possano essere d’aiuto in questa lotta altrimenti impari. Utilizzare un software sicuro per la fattura elettronica, ad esempio, può essere d’aiuto sia nel proteggere i canali di comunicazione che si utilizzano per inviare i documenti fiscali digitali al Sistema di Interscambio, sia l’archiviazione a norma di legge delle fatture inviate e ricevute. Queste, infatti, devono essere archiviate in modo che siano immodificabili, leggibili, autentiche e integre; insomma, a prova di attacco hacker. E, in questo compito, il supporto che una piattaforma amministrativa e gestionale cloud può offrire è probabilmente insostituibile.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti