Festival di Sanremo: prova di memoria, chi ha vinto nel ... ?

Siamo alla 66a edizione del Festival di Sanremo, la più celebre e ambita manifestazione musicale italiana, nata nel 1951 con solo tre concorrenti

E’ trascorso più di mezzo secolo e ancora oggi il Festival di Sanremo continua ad essere uno degli eventi mediatici più importanti e seguiti dell’anno. Dal 1951, anno della prima edizione del Festival, molte cose sono cambiate e sono stati centinaia gli artisti che si sono succeduti sul palco dell’Ariston (che nel ’76, dopo oltre vent’anni, sostituì il Teatro del Casinò): ecco allora una breve cronistoria di tutti i vincitori del Festival.

Nilla Pizzi vinse la prima edizione nel 1951 con “Grazie dei fiori” e quella successiva con “Vola colomba”. Il 1953 fu la volta di Carla Boni (“Viale d’autunno”) mentre nel ’54 vinsero Giorgio Consolini e Gino Latilla con “Tutte le mamme”. Nel 1955 Claudio Villa vince con “Buongiorno tristezza” e nel 1956 Franca Raimondi con “Aprite le finestre”. Nel ’57 Villa vince ancora con “Corde della mia chitarra” ma i due anni seguenti saranno quelli di Domenico Modugno: nel ‘58 (“Nel blu dipinto di blu”) e nel ‘59 (“Piove”).

Dallara e Rascel nel 1960 si aggiudicano il Festival con “Romantica”, nel 1961 Betty Curtis vince con “Al di là” mentre 1962 Modugno e Villa sbaragliano tutti con “Addio… addio…”. A seguire, vincono le successive edizioni degli anni ’60: Tony Renis e Emilio Pericoli (“Uno per tutte” nel ’64), Gigliola Cinquetti (“Non ho l’età” nel ’65) che vincerà anche nel ’66 accanto a Modugno con “Dio come ti amo”, Bobby Solo (“Se piangi se ridi”), Villa e Zanicchi (“Non pensare a me”), Sergio Endrigo e Roberto Carlos (“Canzone per te”) e Bobby Solo-Iva Zanicchi nel ’69 con “Zingara”.

Arrivano poi i fantastici anni ’70 che vedranno vincitori: Adriano Celentano e Claudia Mori (“Chi non lavora non fa l’amore”), Nada e Nicola Di Bari (“Il cuore è uno zingaro”), sempre Nicola di Bari nel ’72 vincerà il Festival con “I giorni dell’arcobaleno”, Peppino Di Capri (“Un grande amore e niente più”) vincente anche nel ’76 con “Non lo faccio più”, Iva Zanicchi (“Ciao cara come stai?”), Gilda (“Ragazza del sud”), Homo Sapiens (“Bella da morire”), i Matia Bazar (“…e dirsi ciao”) e Mino Vergnaghi (“Amare”) nel 1979.

Entrano gli anni ’80 e vincono: Toto Cutugno con “Solo noi”, Alice con “Per Elisa” (1981), Riccardo Fogli con “Storie di tutti i giorni” (1982), Tiziana Rivale con “Sarà quel che sarà” (1983), Albano e Romina con “Ci sarà” (1984), i Ricchi e Poveri con “Se m’innamoro” (1985), Eros Ramazzotti con “Adesso tu” (1986), il trio Morandi-Ruggeri-Tozzi con “Si può dare di più”, Massimo Ranieri con “Perdere l’amore” (1988) e la coppia Oxa-Leali con “Ti lascerò” (1989).

Gli anni ’90 consegneranno la vittoria a: i Pooh (“Uomini soli”), Cocciante (“Se stiamo insieme”), Luca Barbarossa (“Portami a ballare”), Ruggeri (“Mistero”), Baldi (“Passerà”), Giorgia (“Come saprei”), Ron e Tosca (“Vorrei incontrarti fra cent’anni”), i Jalisse (“Fiumi di parole”), Annalisa Minetti (“Senza te o con te “) e infine ad Anna Oxa (“Senza pietà”) nel 1999. Nel 2000 vincono il Festival: gli Avion Travel (“Sentimento”), Elisa (“Luce”), i Matia Bazar (“Messaggio d’amore”), Alexia (“Per dire di no”), Marco Masini (“L’uomo volante”), Francesco Renga (“Angelo”), Povia (“Vorrei avere il becco”), Simone Cristicchi (“Ti regalerò una rosa”), Giò Di Tonno e Lola Ponce (“Colpo di fulmine”) e Marco Carta nel 2009 (con “La forza mia”).

Valerio Scanu è il vincitore dell’edizione 2010 con “Per tutte le volte che…”, Roberto Vecchioni di quella del 2011 con “Chiamami ancora amore”, mentre Emma vince nel 2012 con “Non è l’inferno”, Marco Mengoni nel 2013 con “L’essenziale”, Arisa nel 2014 con “Controvento” e infine nel 2015 Il Volo con “Grande amore”.

La più recente edizione 2016 vede vincitori gli Stadio con “Un giorno mi dirai”, canzone scartata l’anno precedente.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti