1, 1, 1, 1, 2, 1, 1 trend

Fa il bullo, il papà lo fa andare a scuola sotto la pioggia

Suo figlio di 10 anni faceva il bullo con i compagni di scuola, così Bryan ha escogitato per lui una punizione esemplare

Quando ha scoperto che suo figlio faceva il bullo a scuola ha deciso di impartirgli una punizione esemplare, costringendolo a raggiungere la scuola correndo sotto la pioggia. Bryan Thornhill vive negli Stati Uniti con la sua famiglia ed è un papà come tanti.

Quando ha scoperto che suo figlio di 10 anni era stato espulso per tre giorni dallo scuolabus a causa di alcuni atti di bullismo è rimasto molto deluso. L’uomo è stato chiamato dagli insegnanti del ragazzo, che gli hanno spiegato come il ragazzino si comportasse male con i suoi compagni, facendo il prepotente e prendendoli in giro.

A quel punto Bryan ha pensato non solo di sgridare suo figlio, ma anche di fargli comprendere quanto tutto quello che aveva fatto fosse sbagliato. Per questo motivo ha deciso di fargli raggiungere tutti i giorni la scuola a piedi. Per una settimana il bambino ha percorso correndo quasi due chilometri, seguito dal papà, che ha documentato la scena con uno smartphone.

Bryan non si è impietosito nemmeno quando ha iniziato a piovere. Il bambino, zaino in spalla, ha comunque percorso la strada, correndo sotto la pioggia. La scena è stata ripresa dallo stesso Bryan con il suo smartphone e il video è stato postato sui social.

Nella clip l’uomo spiega cosa è accaduto e lancia un messaggio importante a tutti i genitori. “Ciao a tutti – dice Bryan nel video – mio figlio è finito nei guai dopo aver fatto il bullo sullo scuolabus e per tre giorni non potrà metterci piede. Questo è un atteggiamento che non posso tollerare, quindi correrà per tutta la settimana fino a scuola anche se piove”.

L’uomo ha svelato che la punizione ha contribuito a migliorare il comportamento del bambino. “Questa settimana non ha avuto problemi a scuola – ha detto il papà -, mentre la scorsa era stato totalmente indisciplinato. I professori sono contenti di come si sta comportando nelle ultime ore”.

“Faremo in modo che i suoi insegnanti siano felici e che lui non disturbi più i suoi compagni – ha concluso -. Questo è quello che io chiamo “fare il genitore”. Insegnate ai vostri figli a comportarsi bene, non siate amici, siate genitori: è quello di cui i bambini hanno bisogno in questi tempi”.

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti