Follie da tifosi: cambia faccia per scaramanzia

La storia di come l'amore per la propria squadra di calcio possa arrivare a cambiare la vita famigliare

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: screenshot da Twitter

La barba, si sa, è una delle mode del momento. Dai ragazzi agli adulti, farsi crescere i peli sul viso è ormai una tendenza irresistibile, a metà tra la volontà di essere al passo con i tempi e quella di apparire più seducenti di fronte all’altro sesso.

Gli sportivi ovviamente non fanno eccezione, tutt’altro: cosa c’è di meglio che abbinare a un fisico scultoreo una bella barba folta?

Gli esempi sono molteplici, così come i tipi di barba: sfumata, lunga di qualche giorno o foltissima, come nel caso di Davide Moscardelli, che ha saputo creare un vero boom commerciale sul proprio volto.

La situazione cambia se a rinunciare a essere glabri in volto non sono i giocatori, bensì i tifosi, e per scommessa. In Inghilterra, dove come noto si scommette su tutto, un tifoso del Bolton ha esagerato, legando il proprio look ai risultati della squadra del cuore

“Non mi rado finché non vinciamo in trasferta!” aveva promesso Damien Hardy, 30 anni, tifoso dei Wanderers, ai colleghi di lavoro il 6 aprile 2015.

Nulla di strano se a fare il voto fosse stato un tifoso di Juventus, Barcellona, Bayern o Real Madrid, che ai colpi esterni sono abituati, ma qui si parla di una nobile decaduta del calcio inglese, alle prese con un preoccupante mal di trasferta che ha compromesso le speranze di tornare in Premier.

Le ultime gare giocate lontano dal Macron Stadium nel finale della stagione 2014-2015 e tutte quelle dello scorso campionato sono infatti andate male, o comunque senza vittoria, così il volto di Damien si è via via trasformato.

Fino al 13 agosto scorso, quando, alla seconda giornata di Championship, si è materializzato il “miracolo”: il Bolton passa sul campo del Wimbledon e dopo 495 giorni Damien può tornare a impugnare un rasoio inevitabilmente impolverato:  “Era iniziato tutto per gioco, ma ormai stava diventando un incubo" ha ammesso Hardy, prima di rivelare un curioso particolare sulla propria vita famigliare.

“Ci sono stati momenti in cui ho pensato di cedere. Ho avuto parecchi problemi, i miei figli non volevano darmi il bacio della buonanotte e il più piccolo si aggrappava alla barba facendomi male. Alla mia compagna poi non piaceva proprio, ma la cosa incredibile è che ora l’ho tolta la rimpiange!”. La famiglia già trema: chissà quale sarà il voto se il Bolton s’inceppasse in casa…
 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti