Gara drammatica, morto il campione del mondo Massimo Rossi

Grave perdita per la motonautica italiana

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: Screenshot tratto da Twitter

Grave lutto per la motonautica italiana, la Formula 1 del mare. Massimo Rossi, campione del mondo di motonautica nelle classi 250 e 350, è morto in seguito ad un tragico incidente avvenuto in gara in Germania. A dare la notizia è stato il presidente della Federmotonautica, Vincenzo Iaconanni, che ha accusato la sicurezza del circuito: "L'incidente è avvenuto su un circuito pericolosissimo, con le nostre regole lì non si sarebbe mai corso". 

Rossi correva con la licenza tedesca perché lavorava in Germania. "La manifestazione nella quale è avvenuto l'incidente si chiama Traben Trabach, e si svolge in un circuito la cui larghezza è pari a meno della metà del minimo consentito in Italia. Abbiamo protestato mille volte per la pericolosità di quella gara, ma nessuno ci ha mai ascoltato", è l'accusa di Iaconanni.

"Ci sono dei circuiti dove non si dovrebbe mai correre e sono tutti all'estero. In Italia siamo all'avanguardia per la sicurezza, purtroppo quando i nostri piloti vanno all'estero finiscono nelle mani di macellai".

Rossi, 24 anni, si sarebbe schiantato contro un albero: "Non sappiamo con certezza la dinamica dell'incidente ma dalle prime informazioni sembra che addirittura dopo essere andato a sbattere sul terrapieno, Rossi sarebbe finito contro un albero".

La motonautica italiana ha perso, prima di Rossi e dal 2002, altri due campioni come Vincenzo Polli (ad Abu Dhabi, circuito che ha fatto altre vittime) e Paolo Zantelli.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti