Gascoigne compie 50 anni: una carriera di pazzie

Mezzo secolo per Gazza, il calciatore meno politically correct di sempre

Fonte: Getty Images

Paul Gascoigne compie 50 anni. Una vita e una carriera piene zeppe di follie.

L’ex centrocampista, che di maglie in carriera ha vestito quelle del Newcastle, del Tottenham, della Lazio, dei Rangers, del Middlesbrough, dell’Everton, del Burnley, del Gansu Tianma e del Boston United, oltre ovviamente a quella della nazionale inglese, problemi con l’alcol a parte – visto che non è bello ironizzare sulle sue condizioni fisiche e sulle sue dipendenze – si è distinto per innumerevoli siparietti divertenti.

Alla Lazio, dove arrivò il 22 agosto del ’91 sbarcando a Fiumicino tra una folla di tifosi biancocelesti, si presentò nudo davanti a un’istituzione come il serioso mister Zoff, che gli intimò di sbrigarsi a scendere nella hall dell’albergo che ospitava la squadra capitolina. Un’altra volta lasciò i suoi bisogni sulla macchina del team manager Maurizio Manzini; tirò giù i pantaloncini a Sclosa mentre levava al cielo la Coppa delle Capitali; infilò un criceto tra le brioches della colazione in albergo (terrorizzando una signora); abbandonò il campo in moto, in accappatoio e ciabatte e senza mutande, dopo una partita; invitava i giornalisti a fare uno-due durante gli allenamenti; mostrò il rosso all’arbitro Smith dopo che questo aveva perso il cartellino; e molto altro ancora.

Beh, tanti auguri Gazza! Sperando che non esageri per i festeggiamenti e non si faccia coinvolgere in qualche scazzottata.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti