Geniale Dzemaili: finto giornalista per conquistare Erjona

Il centrocampista del Bologna ha raccontato l'incredibile trovata per fare colpo sulla splendida Miss Albania.

C’è un giocatore a Bologna, che gravita nel reparto nevralgico del gioco, il centrocampo, che sta vivendo una seconda giovinezza, lui che di anni ne ha 30: è Blerim Dzemaili, tornato in Italia nella scorsa stagione (al Genoa, in prestito) dopo la parentesi turca al Galatasaray.

Nelle ultime 4 giornate lo svizzero di origini macedoni ha siglato 4 reti (una doppietta addirittura contro il Torino), ma c’è un altro fattore, oltre alle prestazioni e ai gol, a tenere alto il morale di Dzemaili: la splendida Erjona Sulejmani, sua moglie.

29 anni, albanese e vincitrice del concorso di bellezza Miss Albania, la modella è stata eletta dai tifosi – così, per rendere l’idea – la più bella tra le wags di Euro 2016. Deve esserne rimasto affascinato immediatamente, il buon Dzemaili, appena l’ha vista. Tanto più che il centrocampista del Bologna, ai tempi in cui vestiva la maglia del Napoli, si è inventato una trovata geniale per riuscire a fare breccia nel cuore della splendida Erjona: “Mi finsi giornalista e le dissi che volevo farle un’intervista – ha svelato lo svizzero in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport -. Erjona l’avevo vista sui social, mi aveva colpito tanto. Poi ci vedemmo e capimmo che facevamo l’uno per l’altra. Stiamo insieme da tre anni e mezzo, da 22 mesi con noi c’è Luan. Ma ora Erjona è più famosa di me…”. E capiamo anche i motivi per cui lo sia diventata, sinceramente.

Ma nonostante Erjona sia la più apprezzata tra le wags di Euro 2016 e nonostante ormai la conoscano praticamente tutti gli appassionati di calcio, il calciatore felsineo non si professa affatto geloso: “Geloso? Poco, anche se lei pensa il contrario. Mi fido molto di lei”.

E riguardo ai suoi trascorsi al Napoli, Dzemaili ha parlato – bene – della città, degli amici, di un ex compagno di squadra e, soprattutto, del cibo: “Sono stati tre anni importanti. Dicono che tanta gente non vuole andare a Napoli, che si vive male. Smentisco tutti: si sta bene, mai avuto problemi. Il mio amico era Paolo Cannavaro, la persona più brava incontrata nel calcio in Italia. Sono pazzo della mozzarella e della pizza. E ho tanti amici”.

Vista la passione per mozzarella e pizza, chissà se come pizzaiolo se la caverebbe meglio di Dries Mertens.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti