Gentiloni: rispetto regole Ue ma no manovre depressive

"Confido che l'Europa non sarà sorda e cieca"

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 27 gen. (askanews) – “Rispetteremo le regole europee ma lo faremo senza manovre che possano avere effetti depressivi e continuando la nostra azione riformatrice”. Così il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, al termine dell’incontro con il premier spagnolo, risponde a Madrid chi chiede se ci sarà una manovra correttiva dei conti pubblici come vorrebbe l’Europa.

“L’espressione manovra correttiva – aggiunge – mi crea qualche scompenso. Semplicemente l’Italia ha bisogno di politiche espansive, di far fronte, accelerandola, a una esigenza di crescita sostanziale e, purtroppo, di fronteggiare alcune circostanze eccezionali, come quelle che abbiamo attraversato negli ultimi tempi. Confido che l’Europa non sarà sorda e cieca, ne ho scritto a Juncker, farebbe un pessimo servizio a se stessa.
Stiamo lavorando, stiamo negoziando”.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti