Geoswim: arriva la Google Maps per mappare le coste

Geoswim è un progetto tutto italiano che ha come scopo la mappatura delle coste del Mar Mediterraneo

Il suo nome è Geoswim, il suo obiettivo è mappare le coste più irraggiungibili del Mar Mediterraneo. Un progetto nato da un’idea del ricercatore Stefano Furlani che, dopo aver mappato a nuoto le coste dell’Istria e di Malta, ha deciso di proseguire la sua personalissima missione mappando le meravigliose coste delle isole Egadi, della Sardegna e del Lazio. Avremo presto una Google Maps costiera?

Geoswim: dal nuoto alla tecnologia

L’idea di Furlani è di quelle connotate da un immenso valore scientifico, ma anche da un indispensabile tocco di modernità. Geoswim, infatti, è un progetto che ha molto di umano, ma anche tanto di tecnologico: percorrere a nuoto chilometri su chilometri di coste, per mappare le insenature ed i cambiamenti apportati a livello morfologico dall’erosione dell’acqua nel corso degli anni. E fotografarne le condizioni, per poter creare un immenso database consultabile dagli altri ricercatori e, chissà, anche dalle persone comuni.

L’importanza del progetto Geoswim

Geoswim ha uno scopo molto chiaro: le coste mappate dal team di Stefano Furlani non sono normalmente raggiungibili da terra, dunque esigono una strategia alternativa per poter essere studiate e mappate di tutto punto. Grazie ai dati raccolti dal gruppo di ricercatori, si potranno studiare tutte le insenature più complesse, e comprendere finalmente quale fosse il livello del Mar Mediterraneo nelle diverse epoche che hanno accompagnato la nostra storia. In altre parole, una tappa fondamentale per apprendere i movimenti della terraferma in relazione ai livelli dell’acqua marina.

Il futuro di Geoswim? La Grecia

Sono stati percorsi e mappati oltre 600 chilometri di costa, ma questo non sembra bastare a Stefano Furlani: per avere un quadro completo della stabilità tettonica del Mar Mediterraneo, infatti, c’è ancora tanta strada da percorrere a nuoto. Quale sarà, dunque, la prossima fermata del gruppo di ricercatori di Geoswim? Dopo aver raccolto un consistente database delle coste italiane, il team di Furlani farà tappa in Grecia.

 

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti