PROMO

Giappone: 5 documentari per conoscere il Paese del Sol Levante

Il Giappone ospita la XXXII Olimpiade: in occasione di Tokyo 2020, andiamo alla scoperta di curiosità e tradizioni del Paese del Sol Levante.

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: iStock

Il Giappone è cultura e tradizioni millenarie, paesaggi magnifici e arte senza tempo. Ma è anche sport, e grazie alle Olimpiadi 2020 il Paese del Sol Levante ha la possibilità di ospitare una lunga serie di eventi coinvolgenti che interessano atleti (e appassionati) di tutto il mondo. Tokyo, la splendida capitale, accoglie per la seconda volta nella sua storia i Giochi Olimpici, aprendo al contempo le porte alle sue mille bellezze per tutti i turisti che hanno deciso di scoprire il Paese.

ARTE.tv, il canale culturale europeo, offre numerosi documentari disponibili gratuitamente in streaming sul suo sito ufficiale, tra spettacoli e reportage che ci accompagnano per mano in un mondo di infinite sorprese. In occasione della XXXII Olimpiade, che è stata inaugurata lo scorso 23 luglio 2021, il canale ha messo a disposizione 5 documentari sottotitolati in italiano per scoprire qualcosa in più sul Paese del Sol Levante e per tuffarci nel suo immenso patrimonio culturale.

Giochi olimpici: l’importante è partecipare

Giochi olimpici: l'importante è partecipare

Pochi minuti per immergerci nella storia delle Olimpiadi, dai suoi esordi nell’antica Grecia agli appuntamenti odierni. Il documentario Giochi olimpici: l’importante è partecipare fa parte della docuserie Stories of Conflict – La storia in 7 minuti. Ed è proprio questo il tempo a disposizione per narrare il rapporto indistricabile tra sport e tensioni politiche.

Per decenni, le Olimpiadi sono state terreno di scontro pacifico dove gli Stati si sono misurati alla ricerca della vittoria, nel tentativo di dimostrare la propria supremazia a suon di medaglie conquistate. Ma vi sono stati anche eventi drammatici che hanno acceso le asperità tra i Paesi concorrenti, come la storica finale di pallanuoto del 1956 tra Ungheria e Unione Sovietica, conosciuta come il “bagno di sangue di Melbourne”.

Puoi vedere il documentario qui.

Yukio Mishima: scrivere fino alla morte

Yukio Mishima: scrivere fino alla morte

Il Giappone ha dato i natali a migliaia di artisti che hanno eccelso nelle più svariate arti, ma alcuni di questi sono caduti nell’oblio della storia. The Lost Ones è una serie dedicata proprio ai personaggi dimenticati del XX secolo. Il documentario Yukio Mishima: scrivere fino alla morte ci conduce alla scoperta di uno dei più grandi scrittori giapponesi della sua generazione, la cui storia affascinante e tragica sembra essere andata perduta nel nulla.

Yukio Mishima, dopo aver regalato al mondo splendide opere d’arte che gli hanno permesso di raggiungere la fama internazionale, ha compiuto l’estremo gesto per connettere l’arte a quella che è sempre stata la sua più grande ossessione, la morte. E così, nel 1970, ha scritto l’ultima frase del suo ultimo libro e si è diretto verso la sede dell’esercito di Tokyo vestito da samurai: qui, inneggiando alla rivolta, si è suicidato mediante seppuku, davanti agli occhi di una folla attonita.

Puoi vedere il documentario qui.

La Tokyo di Daidō Moriyama

La Tokyo di Daidō Moriyama

Visionario e cinico, Daidō Moriyama è uno dei massimi esponenti della fotografia giapponese. Cresciuto tra le strade di un quartiere periferico di Osaka degli anni ’40, ha sempre amato vagabondare alla ricerca dello scatto che immortalasse l’umanità, quella invisibile e nascosta sotto agli occhi di tutti. Ed è nel viaggio raccontato dal documentario La Tokyo di Daidō Moriyama che scopriamo un Giappone ben diverso da quello che è da sempre rappresentato nell’immaginario tradizionale.

Il suo è un Giappone di anime perdute, di ombre immerse nella povertà, di persone che non sono riuscite ad adattarsi alla società. Ma è anche un Giappone che vive di notte, tra incontri piccanti e seduzioni che durano poche ore. “Mi piacciono i luoghi che puzzano di umanità” – aveva affermato Moriyama, e quelli di cui sono permeate le sue foto emanano proprio questo odore.

Puoi vedere il documentario qui.

Gacha Gacha

Gacha Gacha

Scoprire la vera anima del Giappone, tra le sue mille particolarità, è davvero facile: il documentario Gacha Gacha è composto da nove episodi, ciascuno dei quali affronta un argomento specifico, permettendo al pubblico di addentrarsi in un mondo tanto strano quanto affascinante, così diverso da quello occidentale. Decine di curiosità culturali nipponiche vengono finalmente spiegate in tutta semplicità.

Dalla “poop culture”, che ha portato alla nascita del Museo della cacca, alla sopraffina arte dell’igiene sfociata nello sviluppo di washlet, con tecniche sempre più all’avanguardia. E ancora, la passione tutta giapponese per lo street food e per i treni, le raffinate arti del galateo e tante altre sorprese sono raccolte in questa breve docuserie, per un’immersione nell’Oriente meno conosciuto.

Puoi vedere il documentario qui.

Tokyo 2020: prove generali per il regno degli anziani

Tokyo 2020: prove generali per il regno degli anziani

In tema Olimpiadi, il documentario Tokyo 2020: prove generali per il regno degli anziani affronta un argomento delicato, riguardante il tasso di natalità in calo e l’aumento dell’età anagrafica. Dati che spingono a pensare al futuro del Giappone: si stima che entro il 2060, vi saranno tanti anziani quante persone in età da lavoro. La società si sta già preparando a questo lento, ma inevitabile cambiamento.

Tokyo, quest’anno, ospita le Paralimpiadi 2020: è forse una vera e propria prova generale per verificare se il Paese è pronto ad avere una popolazione d’età avanzata, con tutte le esigenze ad essa collegate? Tra inclusività ed eliminazione delle barriere architettoniche, questa è una sfida che il Giappone ha deciso di cogliere. E darà prova di essere o meno adatta per offrire la giusta accoglienza a persone dalla mobilità ridotta.

Puoi vedere il documentario qui.

In collaborazione con Arte.tv

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti