In Giappone il museo delle teste di pietra che sembrano persone

In Giappone esiste un museo dedicato alle teste di pietra che assomigliano a delle persone

Fonte: Twitter

Il museo delle teste di pietra che sembrano persone esiste e si trova in Giappone, nello specifico a Chichibu, a sole due ore da Tokyo. Qui i visitatori possono ammirare il Chinsekikan (in giapponese “galleria delle rocce curiose”), un museo che ospita oltre 1.700 pietre che assomigliano in modo impressionante che assomigliano a volti di persone famose e non.

L’idea di questo museo parte dal signor Shozo Hayama, che per oltre cinquant’anni girato il mondo raccogliendo e catalogando le pietre che avevano sembianze umane. La sua insolita collezione si è trasformata negli anni in un’esposizione permanente che ha attirato turisti da tutto il Giappone ed è divenuta famosa anche nel resto del mondo.

Nel 2010 l’uomo è scomparso e oggi a gestire il museo c’è sua moglie Yoshiko. La struttura che ospita la straordinaria collezione si trova a circa 10 minuti a piedi dalla stazione di Kagemori, nonostante ciò prima di visitarlo è consigliabile chiamare per prendere un appuntamento. La galleria di facce di pietra infatti si trova proprio all’interno dell’abitazione della famiglia Hayama, quindi molto spesso è chiuso per motivi personali.

Tantissime pietre sono state catalogate ed è chiaro a chi assomiglino. C’è quella che riporta il volto di Elvis Presley, pezzo forte della collezione, quella che sembra un gatto e quella che assomiglia a ET, non mancano nemmeno i moai come quelli presenti nell’isola di Pasqua e le varie espressioni del volto, dal sorriso alla rabbia, passando per la tristezza e la sorpresa. Molte pietre non sono state ben identificate e non hanno ancora un nome. A conferirglielo possono essere gli stessi visitatori, che possono scrivere su un foglio la loro proposta. I risultati di questo esperimento sono stati spesso esilaranti. Ad esempio una pietra che assomiglia ad un uomo anziano sdentato è stata ribattezzata “Dove sono i mie denti?”, mentre un’altra tonda e con una striscia bianca è stata soprannominata “Nemo”.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti