In Giappone un robot annusa alito e piedi e ti insulta se puzzano

In Giappone hanno inventato dei robot che annusano l'alito e i piedi, insultandoti se puzzano

In Giappone hanno inventato un robot che ti annusa l’alito e ti insulta se puzza. Uno strumento brutale, ma particolarmente utile per chi teme sempre di avere un cattivo odore, non solo per quanto riguarda l’alito, ma anche i piedi.

A ideare il robot (in realtà due) è stata la CrazyLabo in collaborazione con il Kitakyushu National College of Technology. La tecnologia arriverà presto in commercio e ha come scopo quello di individuare odori sgradevoli provenienti dal corpo.

CrazyLabo ha creato, nello specifico, due robot, il primo è un androide femminile, denominato Kaori, che annusa l’alito, il secondo è Shuntaro, un cane che invece odora i piedi.

Dopo aver annusato bene l’alito e i piedi, i robot mostrano delle reazioni che sembrano umane e sono decisamente imbarazzanti. Nel caso in cui l’odore sia sgradevole, Kaori esclama “Puah! Hai l’alito cattivo”, ma anche “Non esiste! Non posso sopportarlo”, oppure “Emergenza in corso!”.

Stessa reazione per il cane. Se i piedi profumano, il robot si avvicinerà, suonando la Quinta Sinfonia di Beethoven. In caso contrario, avvertendo un profumo sgradevole, ringhierà e farà finta di svenire. I robot funzionano utilizzando dei sensori di gas in grado di rintracciare un’impronta digitale chimica abbinata a specifici odori .

“Quando abbiamo iniziato – ha svelato il dott. James Covington, a capo del laboratorio che ha messo a punto i robot -, i sensori non erano abbastanza sensibili o selettivi, ma dopo le cose sono andate meglio”. Il professore ha inoltre svelato come i due robot “annusatori” presto saranno in commercio come giocattoli, ma in realtà avranno un uso militare. Il governo infatti avrebbe finanziato il progetto per poter avere a disposizione strumenti in grado di individuare attacchi chimici e monitorare la salute dell’ambiente. “Le due forze trainanti per la ricerca sono militari –ha svelato Covington -. Vogliono essere capaci di individuare guerre chimiche e monitorare l’ambiente”.

Non solo: i robot presto potrebbero essere utilizzati anche per prevenire e individuare i tumori. Secondo alcune ricerche infatti è possibile individuare cellule cancerose analizzando il respiro dei pazienti.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti