0, 0, 1, 0, 0, 0, 0 trend

Giorni fertili: come calcolarli per rimanere incinta

Se si vuole rimanere incinta oppure si vuole evitare una gravidanza inaspettata basta fare il calcolo giorni fertili

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

La fertilità è davvero un argomento delicato e complesso e non tutte le donne sono ferrate e preparate in materia. Vediamo quindi come fare calcolo giorni fertili, anche per coloro che hanno un ciclo irregolare. Prima di tutto scopriamo quali sono i giorni fertili dopo il ciclo, utili per rimanere incinta.

Come si fa il  calcolo dei giorni fertili con ciclo irregolare? In questo caso non è assolutamente affidabile il classico conto dei giorni, ecco perché in questa condizione si deve imparare a conoscere e interpretare i segnali del proprio corpo.

Un’ottima idea è il controllo della temperatura basale, che aumenta  proprio in prossimità dell’ovulazioneMisurandola al mattino, si può avere un’indicazione abbastanza affidabile dello stato in cui ci si trova: giorni fertili o non fertili? Altro metodo consiste nell’interpretare il muco cervicale: man mano che si avvicinano i giorni fertili il muco cambia consistenza fino a diventare a chiara d’uovo.

Probabilità di rimanere incinta dopo il ciclo?

Si sa che l’ovulazione cade intorno al quattordicesimo giorno dopo il ciclo, a patto che questo sia regolare: è in questo momento in cui bisogna stare attente ad individuare i segnali del proprio corpo sia che si voglia rimanere incinte oppure no. Dopo il ciclo mestruale i segnali che il proprio corpo manda sono: indurimento del seno e una serie di perdite consistenti di colore bianco giallastro. In questa fase è difficile rimanere incinta.

Come individuare i giorni fertili per rimanere incinta

E’ possibile rimanere incinta più facilmente se si individuano previamente i giorni fertili. Durante il ciclo mestruale, infatti, ci sono dei giorni più adatti di altri per raggiungere la fecondazione: in media sono circa cinque per ogni periodo di 28 giorni.

I giorni fertili 

Come calcolare giorni fertili? Basta sapere la durata media delle proprie mestruazioni, calcolare la data prevista di arrivo delle mestruazioni e sottrarre 14 giorni. I giorni fertili sono spalmati su 5 giorni: precedono e seguono la data esatta del giorno di ovulazione.

I giorni non fertili

E i giorni non fertili? Possiamo dire che siano tutti gli altri. In realtà si deve sempre utilizzare una determinata precauzione nel caso non si desideri una gravidanza, perché i giorni fertili non sono precisamente individuabili e gli spermatozoi  possono sopravvivere nell’ambiente uterino fino a 72 ore.

A fecondazione avvenuta si parla di nidazione

In questo periodo particolare si può verificare la nidazione: più precisamente questa avviene circa tre giorni dopo la fecondazione. In altre parole l’embrione raggiunge l’utero e si impianta nelle pareti uterine, endometrio, là dove trascorrerà ben 9 lunghi mesi.

Nella fase successiva l’embrione piano piano aumenta di dimensioni ed inizia quindi a ricevere nutrimento soltanto dall’utero.

Quali sono i sintomi della gravidanza?

Ecco che da questo momento in poi si possono avvertire i primi sintomi gravidanza. Cosa si avverte? Principalmente nausee, ma non tutte ne soffrono. Ovviamente altri campanelli d’allarme sono gonfiore del basso ventre, perdite acquose biancastre e mal di testa. In rari casi si hanno le  cosiddette perdite da impianto che possono essere confuse con le mestruazioni.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti