Google festeggia la pizza: strane curiosità sul cibo più amato

Il doodle di Google è dedicato a una delle pietanze più celebri e consumate al mondo: la pizza. Aneddoti e curiosità sulle origini e sui record

6 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Anche Google si inchina a Sua Maestà la pizza: il 6 dicembre infatti è dedicato all’alimento più amato e venduto al mondo. La parola è internazionale e di fatto le sperimentazioni su di essa sono innumerevoli: Nespoli l’ha portata anche sullo spazio (qui tutti i dettagli dell’impresa)!

I numeri del suo successo parlano da soli, si stima per esempio che ogni anno a livello internazionale vengano consumati circa cinque miliardi di pizze. Per dare un esempio ancor più concreto, sembra che vengano mangiate350 fette al secondo solo negli Stati Uniti.

Ed è proprio oltreoceano che la pizza ha attecchito prima che nel resto del mondo, soprattutto considerando che la patria della pizza per come la conosciamo noi è l’Italia. Si parla addirittura di ‘effetto pizza’ per descrivere proprio quel fenomeno per cui una tendenza sfonda prima all’estero e poi nel paese d’origine.

La pizza veniva consumata già 3000 anni fa dagli Etruschi e il termine deriva dal vocabolo ‘pinsa’, ovvero schiacciata. A Napoli nacque la pizza Margherita, ma prima dell’avvento del pomodoro intorno al XVIII secolo (grazie al pomodoro il ketchup venne considerato una medicina, ecco cosa curava), fino al 1600 era in voga la versione bianca con aglio e strutto.

Nonostante almeno da noi la Margherita è tra le classiche più apprezzate di tutti i tempi, sembra che nel mondo vada per la maggiore la pizza ‘Pepperoni’ con salame piccante. L’avete mai provata o preferite sapori più semplici e genuini?

Google e la pizza hanno uno strano legame. intorno agli anni ’90 un ragazzo di nome Sergey Brin mise in piedi un servizio fino ad allora sconosciuto: era possibile ordinare pizze da asporto sfruttando la linea fax dei ristoranti… Per fortuna l’idea non trovò grande successo ma il giovane non mollò e creò qualcosa di ancora più famoso, il motore di ricerca che oggi celebra la pizza!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti