Grillo: Renzi mente, il Pd ha paura e non vuole votare

"Il Paese, la gente, è al limite della sopportazione"

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 27 gen. (askanews) – “Questo non è un gioco. Non siamo in una puntata di House of Cards. La realtà non è abbellita dall’arte e non può essere nascosta dalle palle. Il Paese, la gente, è al limite della sopportazione: la metà delle famiglie non arriva a fine mese e non è più sensibile ai discorsi. I talk show, al massimo, vanno bene per chi non prende sonno e non può permettersi neppure gli ansiolitici (rigorosamente con il canone infilato nella bolletta della luce). Renzi dice di voler votare subito, il MoVimento 5 Stelle anche. Perché questa miracolosa comunione di intenti non smuove Mattarella? Perché, come ci ha abituati, mente. Mente compulsivamente”. Inizia così un lungo post di Beppe Grillo, pubblicato sul blog del leader M5s, dal titolo “Il passato non si dimentica”.

“Il Pd, dopo la madre di tutte le disfatte referendarie, lo ha tenuto lì come segretario. Da quello scranno è sufficiente che chieda di dimettersi alla sua maggioranza parlamentare, proprio come fece con Letta, “elegantemente” via Twitter, ed ecco Gentiloni a congedarsi da Mattarella. Considerato che il Pd dice di voler votare subito, verrebbe a mancare la maggioranza che regge la farsa del governo copia-incolla e il Presidente della Repubblica sarebbe costretto a sciogliere le camere e indire subito le elezioni. Cosi è ovvio che il Pd non vuole votare, il suo segretario trombato a metà continua a prendere in giro gli italiani, come quando disse che si sarebbe ritirato dalla politica se avesse perso il referendum”, aggiunge Grillo.(Segue)

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti