Guadagni 120 euro all'ora per insegnare agli alunni che dormono

La nuova frontiera dell’insegnamento? Dare lezioni a studenti che dormono: questo servizio esiste ed è anche ben retribuito, ecco come funziona

Molti studenti sono alle prese con il ripasso di tutti i programmi, a sgobbare sui libri in vista del temutissimo esame orale (non vi preoccupate, commettono errori anche al Ministero!), a fare le ore piccole bevendo caffè come fosse acqua per cercare di restare mentalmente attivi, ma forse non sanno che da qualche settimana a questa parte esiste un nuovissimo servizio che permette loro di imparare mentre schiacciano un pisolino.

Sembra un controsenso insegnare a persone che si trovano tra le braccia di Morfeo (a proposito, in questa scuola si va a lezione di abbracci), eppure la nuova frontiera del tutoring si basa su alcune evidenze scientifiche secondo cui i centri della memoria si attivano durante il sonno. Il cervello, infatti, impiega circa 48 ore per elaborare le informazioni che riceve, far sedimentare le più importanti e richiamarle così alla memoria al momento del bisogno: la fatidica notte prima degli esami, che Antonello Venditti ha descritto così bene nel celebre brano omonimo, è meglio trascorrerla a dormire!

Si può comunque giocare d’anticipo e ottimizzare i tempi di studio assoldando un tutor che insegni agli studenti nozioni di matematica e inglese prima da svegli e poi mentre dormono: basta rivolgersi a Tutor House, il servizio di lezioni private fondato da Alex Dyer che propone a chi si iscrive di farsi seguire da un tutor a casa che continua a ripetere concetti e pensieri anche mentre l’alunno si stende sul letto e chiude gli occhi.

Invece di contare le pecore, colui che necessiterà di questo servizio sentirà una voce in lontananza che lo aiuterà a memorizzare meglio ribadendo vocaboli, formule o paradigmi (ecco come si insegnano le tabelline in questa scuola).

Per questo tipo di tutoraggio, il compenso è piuttosto interessante: 120 euro all’ora, giustificati dal fatto che gli orari potrebbero non avere nulla a che fare con quelli canonici da ufficio. Chissà cosa pensa di questa “trovata” l’insegnante che usa l’hip hop per spiegare la matematica ai propri studenti…

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti