Higuain dalla malattia alle critiche: "Io più forte di tutto"

"Ora sogno di vincere con la Juventus"

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Gonzalo Higuain ha concesso una lunga intervista al Corriere della Sera in cui ha parlato di tutto, partendo dal cordoglio per la tragedia della Chapecoense: “Quello che è caduto è lo stesso aereo che abbiamo usato di recente con l’Argentina . È terribile quello che è successo. Il nostro pensiero va alle famiglie colpite e ai superstiti”.

L’attaccante della Juventus ha anche raccontato di avere avuto la meningite a 10 mesi: “Non mi hanno raccontato tutto, ma è stata una cosa grave. Grazie ai medici e alla mia famiglia ne sono uscito bene”.

Ora il Pipita sogna in grande: “Vincere tanti trofei con la Juventus, per la fiducia che ha avuto in me: voglio ricambiare con tanti gol e vittorie. Come persona vorrei formare una famiglia, trovare la moglie giusta. E diventare ogni giorno una persona migliore. Quando lascerò il calcio vorrei essere ricordato per quello che ho fatto”.

L’estate con l’arrivo dal Napoli non è stata facile: “Ho fatto più di 300 reti in carriera, il primo in bianconero non era una liberazione. Ma è stata dura. Mi hanno massacrato. Hanno detto che stavo male e tante altre cose. Poi sono entrato, ho segnato e per tutti ero in grande forma, questo a volte non lo capisco proprio. Le critiche sul peso non mi danno fastidio, ma se qualcuno ha dei dubbi può chiedere i dati fisici al preparatore, che è molto contento del mio lavoro”.

Alla prima da avversario contro il Napoli ha subito lasciato il segno, senza esultare: “Sono stato educato in un certo modo e avevo già deciso prima della partita di reagire così. Non vuol dire che non volevo vincere. Però sono un uomo che non dimentica quello che ha fatto e quello che ha ricevuto. E a Napoli mi hanno dato tantissimo e mi hanno fatto crescere. È stato un segno di ringraziamento alla squadra, all’allenatore, ai tifosi. Dopo la partita ho esultato con quelli della Juve, perché lo meritano anche loro per il rispetto e l’amore che mi stanno dando”.

Chiosa sulla scorta: “Dirlo è una cosa che non ha fondamento, una mancanza di rispetto totale. Mai avuta nella mia vita. E mai ce l’avrò. Ma le bugie hanno le gambe corte. Come non è vero delle minacce: mai ricevute“.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti