Huel (human fuel), il cibo del futuro è in polvere

Si chiama Huel, ossia human fuel, ed è il cibo del futuro, progettato per sostituire la versione naturale in una forma hi-tech

Fonte: flickr

Huel potrebbe essere il cibo del futuro: il nome nasce dalla contrazione del termine human fuel, che tradotto letteralmente significa carburante per gli umani. Huel è il più recente di una lunga serie di prodotti che si basano sull’idea che il cibo naturale sia ormai sorpassato, sconveniente e noioso: l’human fuel è una polvere dal sapore stucchevole e eccessivamente dolce, come hanno affermato le persone che l’hanno sperimentato. Il prodotto più conosciuto in questo campo, che punta alla creazione di alternative hi-tech al cibo, è Soylent.

Si tratta di un prodotto americano lanciato nel 2013, frutto dell’ingegno di un ventisettenne di nome Rob Rhinehart. L’idea di Rhinehart era quella di ridurre il cibo alle sue basi. Scrisse sul suo blog di aver ipotizzato che il corpo umano non ha bisogno del cibo in sé, bensì necessita delle sostanze e degli elementi che contiene. Iniziò così a sperimentare mischiando barattoli di proteine e vitamine in polvere in un’unica infusione: il risultato, come Rinehart dichiarò, è stato quello di condurre una vita più salutare e energica risparmiando contemporaneamente tempo e denaro.

Fu un approccio sperimentale al cibo e alla nutrizione che trovò terreno fertile tra i patiti della tecnologia. E ora c’è Huel, una versione britannica del Soylent che si propone come cibo del futuro. Il cosidetto human fuel viene proclamato come approccio ancor più naturale: il co-fondatore del prodotto, Julian Hearn, ha affermato di aver avuto l’idea ancor prima che il Soylent si affermasse sulla scena. Come ha continuato a raccontare Hearn, l’idea di partenza era quella che le persone non siano mai molto certe su cosa credere quando iniziano una dieta: voleva trovare una via più semplice per dare una dieta completa in poco tempo.

Collaborando con James Collier, un nutrizionista sportivo, elaborò ciò che i due creatori descrivono come una [ formula vegana completamente naturale e composta da cibo reale. Gli ingredienti comprendono una selezione attenta di avena, proteine di pisello, semi di lino, MCT di cocco, lecitina di girasole, sale marino, vitamine su misura, miscela di minerali, aroma di vaniglia e dolcificante. Le opinioni a proposito del cibo del futuro sono molto diverse tra loro: Joanna Blythman, un’esperta dell’industria del cibo, ha affermato che nel composto non c’è praticamente nulla di naturale, come invece è stato dichiarato.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti