I carciofi complicano il lavoro del sommelier. Il motivo

Vino e carciofo, abbinamento impossibile? Secondo gli esperti è difficile, ma esistono soluzioni alla portata di tutte le tasche

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Ci sono cibi più difficili da abbinare e sapori che rendono il lavoro del sommelier molto più complesso del solito: pensateci la prossima volta, quando in un ristorante di lusso ordinerete dei carciofi e chiederete di abbinarci un vino.

Proprio così, i buonissimi carciofi manderebbero in tilt prima le vostre papille gustative e di conseguenza i neuroni del sommelier che deve abbinarci il vino giusto: tutto merito, o colpa, della cinarina, che rende più dolce tutto quello che mangi (e bevi) insieme ai carciofi.

Secondo Sarah Knoefler, supervisor dei sommelier in una catena di ristoranti a San Francisco, il carciofo nel piatto ha il potere di rendere “scialbo” e “noioso” qualunque vino si cerchi di piazzargli vicino: comunque, studiando e assaggiando, la soluzione è stata trovata.

Secondo la Knoefler, il vino perfetto per i carciofi deve essere asciutto e leggero, con un’elevata acidità e senza rovere: questo per evitare un surplus di dolce, mentre quello che si deve cercare nel vino ideale è l’aromaticità del carciofo. Occorre quindi scegliere un vino dal sapore erbaceo, verde, anche un po’ amaro. Una delle soluzioni proposte è un Txakolí, un vino bianco che si produce nei Paesi Baschi, in Cantabria e nella Provincia di Burgos e che si elabora a partire da uve verdi, che giustificano una certa acidità.

Se state pensando di mettere in tavola i carciofi per la vostra prossima cena con amici o parenti, il vino potrebbe quindi essere un problema: ci vengono in aiuto i sommelier italiani, che hanno analizzato a loro volta il problema vino-carciofo ed hanno trovato un abbinamento realizzabile con vini molto più reperibili e alla portata di tutti. Secondo l’enoteca online Tannico, per ammortizzare la componente tannica del carciofo serve un vino bianco, privo o molto povero di tannini, come ad esempio un Vermentino sardo o, in alternativa, una bollicina di Franciacorta.

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti