I cibi croccanti danno dipendenza, ma c’è un motivo scientifico

Dalle patatine ai cracker passando per cereali e verdure croccanti: ecco cosa dice la scienza.

6 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Quante volte, presi dalla fame o da un semplice languorino, apriamo il frigorifero e la credenza in cerca di cibo? Facciamoci caso: nella maggior parte delle occasioni, quello che alla fine scegliamo di mangiare è qualcosa di croccante. Ci stuzzicano, infatti, gli alimenti come cracker, popcorn, patatine fritte, cereali, snack vari. Così come carote, sedani, caramelle, indipendentemente, quindi, dalla quantità di calorie che tali alimenti contengono.

Questi peccati di gola, infatti, appagano il nostro stomaco e quindi la sensazione di fame e soddisfano il gusto. C’è, del resto, un motivo scientifico che ci spinge a scegliere cibi croccanti rispetto ad altri tipi di piatti. E la scelta, secondo uno studio recente, è da ricondurre a ragioni psicologiche prima ancora che di sapore.

Mangiare, infatti, è un’esperienza complessa che coinvolge tutti i sensi e nel momento in cui mastichiamo qualcosa di cui sentiamo il rumore entra in gioco l’udito. Sentire, quindi, la croccantezza non è solo questione di gusti ma anche di… orecchio. Il rumore, secondo quanto riporta mashed.com, permette di riconoscere meglio ciò che si sta consumando.

Da qui, dunque, la preferenza dei consumatori per snack e alimenti che richiedono una masticazione più lunga. Questi vengono, infatti, percepiti dal nostro cervello come più freschi o di qualità migliore. A sostenere questa teoria è il neurologo e psichiatra Alan R. Hirsch della Smell and Taste Research Foundation di Chicago che per anni si è occupato di questo aspetto.

La croccantezza, sostiene il medico, sarebbe fondamentale per stimolare i sensi oltre gusto e olfatto. Si parla nello specifico di ‘musica della masticazione’, ovvero dello stimolo uditivo che si produce quando si addenta un cibo croccante e lo si frantuma coi denti. Approfondimenti successivi hanno, quindi, indagato ulteriormente quanto affermato allo statunitense e hanno confermato la correlazione fra cibo croccante e percezione di freschezza. Attenzione, però, a non esagerare: le calorie sono sempre in agguato.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti