I millennial dovrebbero essere banditi da Disney World

Corre sui social una nuova accusa contro i millenials, in particolare quelli senza figli: dovrebbero essere banditi da Disney World, ecco perché

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Disney World è considerato da grandi e piccini il Paradiso in Terra grazie alle tantissime attrazioni, i colori, la musica e i personaggi più famosi dei cartoni animati con cui gli adulti sono cresciuti e che oggi fanno conoscere anche ai più piccoli. Ma cosa succede se a frequentare il celeberrimo parco divertimenti sono anche i millenials senza figli (a proposito, immaginate le principesse Disney più popolari col pancione)?

Succede che una mamma, esasperata per le lunghissime file e per i capricci del figlio al lunapark in Florida, ha scatenato una furente polemica su Facebook puntando il dito contro i 30-40enni non ancora genitori che, a detta sua, invadono costantemente Disney World sottraendo divertimento ai bambini (questa bimba è stata fortunata ad incontrare la sua principessa preferita). Il messaggio che ha scatenato l’inferno sui social esordisce così: “Disney World è per i BAMBINI!!!! Le persone senza BAMBINI devono essere bandite!!!!! Alle madri con bambini dovrebbe essere permesso di saltare TUTTA LA FILA!!!”.

In men che non si dica l’esercito di millenials, che per scelta o per condizione non ha figli, si è riversato in rete per rispondere alla madre arrabbiata e isterica facendo crollare le sue accuse con argomentazioni più che legittime. Qualcuno, per esempio, si chiede: “Solo la gente con i figli può meritare di avere accesso al posto più felice del mondo?”

E non mancano messaggi provocatori indirizzati alla donna: “Di certo quando sono stato a Disney World mi sono divertito di più di tutti quei genitori esausti che combattevano ogni minuto contro i loro bambini, stanchi, arrabbiati e in lacrime”.

In realtà ai vertici di Disney World fa piacere vedere gli adulti divertirsi come e forse più dei bambini e invogliano a far crescere questo tipo di turismo: l’azienda, infatti, da anni corteggia gli adulti, in particolare i millennial che hanno bei ricordi che crescono nei parchi di divertimento. Almeno tre quarti dei millennial, in particolare il 78% con bambini e il 75% senza, hanno dichiarato che stanno pianificando di andare in un parco a tema quest’anno (provate ad andare anche in questo magico resort a Gardaland).

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti