I segreti degli Apple Store, i fatti più strani raccontati dagli impiegati

Fatti strani accaduti negli Apple Store; di recente, tre ex dipendenti della casa produttrice hanno reso noti alcuni episodi insoliti

Fonte: flickr

Quali sono i fatti più strani accaduti all’interno di un Apple Store? Qualche giorno fa, tre ex dipendenti che hanno lavorato per anni all’interno dei vari Apple Store, hanno deciso di raccontare quali sono gli avvenimenti più incredibili che sono accaduti durante la loro carriera. Uno dei fatti più incredibili che è stato raccontato da un ex dipendente di Apple, riguarda il cavo lightning. Per chi non lo sapesse, quando uscì l’iPhone 5, Apple decise di integrarlo con un cavo lightning. La differenza con il vecchio cavo a 30 pin è che questo cavo è stato dotato di un’interfaccia USB, in modo da permettere la ricarica dello smartphone anche dal computer.

L’Apple voleva che il cavo lightning fosse una sorpresa per i suoi clienti, quindi decise di spedire gli iPhone 5 imballati e le confezioni con i cavi lightning a parte. Per evitare una fuga di notizie, i cavi lightning sono stati ricoperti da connettori a 30 pin. Subito dopo il lancio ufficiale dell’iPhone 5, i dipendenti hanno avuto il permesso di aprire i cavi che erano arrivati all’interno dell’Apple Store. Questa stranezza riguarda la casa produttrice, ma i tre ex dipendenti hanno dichiarato che i fatti più strani accaduti all’interno di un Apple Store riguardano i clienti.

Un ex dipendente di Apple ha dichiarato che un cliente si presentò all’interno del negozio per chiedere di far valere la garanzia sul suo nuovo iPhone, acquistato solamente da pochi giorni. All’interno dell’iPhone, il dipendente trovò un liquido che aveva provocato un corto circuito del dispositivo. Ovviamente Apple, così come qualsiasi altra casa produttrice, non fa valere la garanzia quando il dispositivo entra in contatto con qualche liquido. Il cliente a quel punto, tentò di giustificarsi dichiarando che il liquido presente nel suo iPhone era stato inserito dagli alieni che l’avevano rapito.

Un altro cliente si è presentato all’interno dell’Apple Store con un dispositivo fatto a pezzi; quando il dipendente gli chiese come aveva fatto a ridurre lo smartphone in quel modo, lui rispose che non riuscendo ad utilizzare alcune funzionalità del dispositivo gli aveva sparato con un fucile. Infine, un ex dipendente ha dichiarato che a volte conviene portare l’iPhone all’interno di un centro riparazioni dichiarando che il dispositivo ha un problema noto di quelo modello, ad esempio la fotocamera difettosa. In quel caso, l’Apple provvede alla sotituzione del dispositivo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti