I segreti dei gemelli

Il fenomeno dei gemelli è sempre stato molto affascinante. Ne esistono di diversi tipi e sono tendenzialmente più longevi della media

Fonte: Pixabay

Una volta, i gemelli erano considerati una rarità nel panorama dei parti. Oggi, con l’aumento dell’età media di mamme e puerpere e con la diffusione delle nuove tecniche di fecondazione, i parti gemellari sono sempre più frequenti. Infatti, dal momento della prima diffusione di queste tecniche per le coppie con difficoltà riproduttive, i paesi occidentali hanno conosciuto un aumento di parti gemellari pari al 47%, mentre quelli plurigemellari (più di due bambini nella stessa gravidanza) addirittura del 370%.

L’Italia non si sottrae a questo trend. Il nostro paese, infatti, ha conosciuto negli anni ‘80 un aumento di gravidanze gemellari del 40% e poi, nel corso degli anni ‘90, un ulteriore incremento pari al 25%. Attualmente, in Italia, i gemelli rappresentano il 2,6% del totale dei bambini nati.

Più gemelli per le mamme anziane

I recenti trend sembrano mettere in luce un fatto legato ai parti gemellari: questi sono notevolmente più frequenti se la madre è più anziana. Non si tratta solo di conseguenze delle cure per la fertilità. Anche nel caso di gravidanze non assistite, con l’aumentare dell’età della donna in gravidanza si alzano anche le possibilità di avere dei gemelli. Questo accade per una ragione evolutiva e biologica: una persona più anziana ha meno probabilità di poter avere altri figli in futuro, e la natura compensa con la gravidanza gemellare.

Inoltre, i gemelli sembrano essere tendenzialmente più longevi della media della popolazione, e questa tendenza è ulteriormente accentuata per i gemelli monozigoti rispetto a quelli dizigoti. Buone notizie anche per le loro mamme: anche queste sembrano avere maggiori chance di vivere a lungo semplicemente perché normalmente sono le donne in salute ad avere i gemelli.

I diversi tipi di gemelli

Tutti conosciamo le due diverse categorie alle quali sono tradizionalmente ricondotti i gemelli: i monozigoti, tra loro identici, e i dizigoti, diversi e che possono anche essere di sesso diverso. In realtà esiste anche una terza categoria: quella dei bizigoti, o “gemelli semi-identici”. Essi nascono da un’unica cellula uovo che viene fecondata da due spermatozoi.

I gemelli siamesi sono un particolare tipo di gemelli monozigoti, i quali alla nascita presentano organi in comune. Infine esiste una condizione chiamata “superfetazione”: i gemelli possono essere concepiti a una distanza sino a 24 giorni.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti