Il bilancio aggiornato del disastro del Rigopiano

I soccorritori scavano per raggiungere il cuore della struttura

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 23 gen. (askanews) – Col ritrovamento del corpo di una donna nel pomeriggio sale a 7 il bilancio delle vittime all’hotel Rigopiano, travolto dalla slavina mercoledì scorso. Sono 40 in totale le persone coinvolte dalla tragedia. Sei corpi sono stati estratti dal cumulo di macerie e neve, un altro è stato individuato ed è in fase di recupero. Mentre 11 persone si sono salvate, due erano all’esterno al momento della slavina e 9 trovate vive sotto le macerie 48 ore dopo e tirate fuori dai vigili dl fuoco, restano ancora 22 i dispersi.

“Stiamo arrivando al cuore di quello che resta della struttura”, ha spiegato ad Askanews Luca Cari, portavoce del vigili del fuoco. Il resto dell’edificio è infatti collassato, distrutto, ma i soccorritori stanno lavorando per raggiungere il centro di quel poco che è rimasto ancora in piedi, una zona dove c’erano le cucine, il bar e altri locali comuni, che potrebbe racchiudere, uno spazio vuoto. E’ questa l’ipotesi e la speranza che guida il loro lavoro.

Ma si procede “in condizioni rischiose per il rischio valanghe, in un ambiente ostile,lavoriamo h24 con cambi continui il problema è che si devono tagliare sotto terra, detriti e cumuli di neve, grossi blocchi di cemento, si scavano cunicoli, sotto tonnellate di neve, per arrivare al cuore della struttura, e si fa largo per poter poi in sicurezza, senza il rischio di crolli, far intervenire le ruspe”. Sul cratere sono a lavoro 70 vigili del fuoco, mentre 150 in totale sono impegnati nelle operazioni di soccorso.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti