0, 0, 0, 0, 0, 0, 1 trend

Il 'buongiorno' speciale della maestra ai suoi alunni: il video

L'entrata in classe è un momento speciale per tutti i piccoli alunni di Mrs. Sparks: l'insegnante ha inventato un rituale del buongiorno molto dolce

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Per molti bambini il momento dell’entrata a scuola non è il migliore della giornata: anche ai più grandicelli a volte scappa un lacrimone ed è compito dei maestri impegnarsi per fargli tornare il buonumore.

In una scuola del Maryland l’insegnante, la signora Sparks, ha inventato un rituale tutto nuovo per iniziare la giornata con il piede giusto: davanti alla porta della classe ha appeso un cartellone con differenti tipi di saluto, fra i quali i piccoli alunni possono scegliere.

Greetings from Mrs. Sparks' class

Pubblicato da Christ Episcopal Church Day School su Giovedì 25 ottobre 2018

Si può scegliere di essere abbracciati, di dare un cinque o di ballare insieme all’insegnante: un modo inusuale e divertente di iniziare la giornata scolastica, molto apprezzato dai piccoli studenti.

Ad ottobre il video del rituale del saluto di Mrs. Sparks è stato pubblicato su Facebook, sulla pagina della Christ Episcopal Church Day School: in questi mesi è stato visualizzato 73 milioni di volte ed è diventato virale in tutto il mondo, finendo anche sulle time line di molte pagine italiane.

Un’idea semplice ma incisiva, che regala ai bimbi un momento di spensieratezza, li fa sentire “speciali” per la maestra e permette di associare un sorriso al momento dell’entrata in classe, a volte dolorosa soprattutto per i più piccoli che non vorrebbero mai lasciare la mamma.

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù, cantava Mary Poppins: Mrs. Spark ha preso alla lettera questo consiglio e la sua idea è stata molto apprezzata. Tanto che qualche maestra potrebbe prenderla ad esempio e realizzare anche in una scuola italiana questo “metodo”: aspettiamo impazienti di vedere se succederà!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti