Il cracker di grillo: l'originale snack a base di insetti

Coraggiosi al punto tale da provare dei cracker a base di grillo? Questo snack a base di insetti è ottimo anche per l’ambiente

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Si chiamano novel food e comprendono in gran parte insetti che dagli inizi del 2018 possono essere prodotti e commercializzati a scopo alimentare anche in Italia che ha applicato il nuovo regolamento Ue in materia. Nel resto del mondo mangiare insetti non è più un tabù: sono circa 2 miliardi le persone che si nutrono di formiche, grilli e larve, ma il Vecchio Continente si sta aprendo a questa moda solo nell’ultimo periodo, grazie anche a giovani coraggiosi come i fondatori di Crické, una start up che opera a Londra realizzata da Francesco Majno, Edoardo Imparato e lo chef Marco.

I tre hanno commercializzato dei cracker a base di farina di grilli essiccati chiamati “Crickelle” e continuano la loro opera di sensibilizzazione verso un tema delicato dal punto di vista etico, psicologico ed economico.

Per 100 gr. di crackers con farina di grilli (proveniente dal Vietnam ma confezionati in Inghilterra), bastano 3.50 euro: “Abbiamo scelto di fare dei cracker perché volevamo un prodotto riconoscibile da un punto di vista del marketing – ha spiegato Majno a Wired – e allo stesso tempo buono in termini nutrizionali: usiamo solo l’olio extravergine di oliva e altri prodotti italiani”.

L’alimentazione con i cosiddetti cibi del futuro (già pronto il gelato a base di insetti o addirittura il pandoro)è sicuramente più sostenibile in termini di costi: “Per un chilo di insetti servono dieci litri d’acqua, contro i 22 mila litri che servono per il corrispettivo di carne. In termini di consumo di suolo e emissioni non c’è paragone” ha fatto sapere Imparato, ma per accogliere senza remore gli insetti sulle nostre tavole il percorso è ancora lungo.

Intanto, se qualcuno fosse interessato a provare una simile esperienza, sappia che i crackers sanno di nocciola se vengono tostati altrimenti sembrerebbe di masticare dei gamberetti. Qualora vi avessimo convinto, ecco dove acquistare i Crickelle: trovate 4 gusti per solleticare il palato di tutti, dai cracker con zenzero a chilli, a quelli con semi di girasole passando per gli snack a base di pomodoro e origano fino a quelli con cumino e cipolla.

Farete il pieno di proteine e vitamine e magari inizierete a saltellare qua e là dalla felicità per essere riusciti a superare lo scetticismo iniziale!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti