Il designer giapponese che crea cucce per gatti con gli origami

È l’arte tradizionale degli origami a ispirare i designer di due aziende che costruiscono cucce per gatti.

6 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

L’arte degli origami fa parte della storia e della cultura orientale, e proprio a questa tradizione hanno deciso di ispirarsi due aziende del Giappone per realizzare eleganti cucce per gatti. Netco e TENEO hanno, infatti, unito l’estetica tradizionale con la necessità di offrire un ambiente accogliente ai felini che fosse al contempo un arredo piacevole nella casa dei padroni. Ne sono nate strutture per animali domestici dal sapore antico ma anche funzionali.

Il materiale utilizzato per queste speciali cucce è cartone ecologico piegato con la sapienza di un maestro di origami fino a diventare una casetta piena di stile per i nostri amici a quattro zampe. Come i designer di Makuake World hanno raccontato su boredpanda.com, questo progetto si basa su un principio di condivisione. Ciò che è bello per noi può esserlo anche per nostri animali domestici, sostengono i creativi.

Oltretutto, a livello strutturale, la geometria insolita degli origami ha anche la capacità di stimolare la curiosità di cani e gatti allenando, così, la loro intelligenza. Design e comfort, dunque, incontrano i gusti dei pelosetti di casa facendo la loro (e la nostra) felicità. “Ci siamo ispirati all’opera del professor Jun Mitani, professore di Informazione e Sistemi presso l’Università di Tsukuba – si legge ancora sul sito – La sua ricerca include la progettazione di origami computazionali, o semplicemente la progettazione di origami con software per computer”

La tridimensionalità e sfericità sono risultate caratteristiche perfette per fare dell’origami una cuccia che può diventare anche un gioco. Il rischio, in questo caso, è che cani e gatti particolarmente vivaci possano distruggere l’opera nel giro di poco tempo ma in media la durata è stimata da sei mesi a un anno circa.

Ma a quale esigenza risponde questo tipo di progetto? Questa la risposta a boredpanda.com: “Miriamo a fondere la cultura tradizionale giapponese nei nostri stili di vita moderni […] Speriamo di creare un ciclo fisico ed emotivo positivo utilizzando materiali riciclabili a basso impatto ambientale e soddisfacendo gli animali domestici e i loro proprietari”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti