Il Green Pass diventa un microchip sotto pelle?

L'idea di una startup svedese per semplificare la vita a chi teme di dimenticare il Green Pass a casa

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Per chi ha sempre paura di perdere il Green Pass o di dimenticarlo a casa, trovandosi quindi a restare fuori da cinema, locali e ristoranti, una start up svedese ha trovato la soluzione finale: impiantare il certificato verde sotto pelle tramite un microchip. Addio a cellulari scarichi che ci abbandonano nel momento del bisogno o a certificati cartacei pieni di grinze e pieghe: basterà porgere un braccio o una spalla e il gioco è fatto.

I complottisti salteranno sulla sedia: i microchip sotto pelle per schedare gli esseri umani sono un antico cavallo di battaglia di alcune teorie del complotto. Niente panico, qui e adesso si tratta solo di comodità: il Green Pass può essere facilmente inserito, con un intervento che costa 100 euro e deve essere ovviamente svolto in una struttura specializzata da personale medico o paramedico. Il microchip può essere anche facilmente tolto, così come è stato messo.

Una volta inserito, basterà avvicinare lo smartphone o il lettore dedicato e si visualizzerà il Green Pass ottenuto con vaccinazione o tampone negativo. Non va estratto ogni volta per aggiornarlo, ma lo farà automaticamente tramite un’applicazione su smartphone: una volta inserito, può essere usato per caricare i dati che si vogliono. 

Non sappiamo quante persone troveranno comoda questa soluzione, ma certamente i microchip sotto pelle, che oggi sembrano fantascienza, sono destinati a diventare un supporto come un altro in un futuro non troppo lontano: potremmo usarli per identificarci, ma anche per pagare o per telefonare. Addio patenti o documenti, in futuro li porteremo sempre con noi senza timore di furti, sbagli o scambi.

Le preoccupazioni intorno all’utilizzo di questi dispositivi sono ovviamente legittime: per quanto riguarda l’idea dell’azienda svedese, i vertici assicurano che si tratta di dispositivi che non producono onde di nessun genere e che si attivano solo dall’esterno, non hanno una batteria interna e inoltre non possono nè tracciarci nè identificarci.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti