Il 'guanto parlante' che dà la parola ai muti

Thomas Pryor e Navid Azodi sono due studenti che hanno realizzato un guanto in grado di tradurre in parole il linguaggio dei segni

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Thomas Pryor e Navid Azodi sono due studenti dell’Università di Washington che hanno realizzato un’invenzione che potrebbe rivoluzionare la vita dei milioni di sordi e muti al mondo: i due ragazzi hanno infatti creato ‘SignAloud’, un guanto in grado di tradurre il linguaggio dei gesti in testi e parole.

I guanti ‘SignAloud’ sono collegati tramite Bluetooth a un pc e ogni volta che viene eseguito un particolare segno del linguaggio dei muti, il computer interpreta il movimento e viene tradotto in parole attraverso un altoparlante.

I due giovani hanno vinto pure un premio di 10mila dollari del Lemelson-MIT per la loro invenzione ma non sono gli unici al mondo a lavorare su progetti del genere, vista anche la necessità di tradurre il linguaggio dei segni in più lingue.

Ad esempio, in Russia Valerij Strizheus è uno studente 16enne che sta per brevettare un guanto simile e pure in Cina sono stati sviluppate tecnologie di questo tipo.

Ricordiamo che nel mondo ci sono circa 70 milioni di persone sorde o mute la cui comunicazione e quindi la cui vita potrebbe essere rivoluzionata dalla diffusione di quello che è ormai definito ‘il guanto parlante’.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti