0, 0, 1, 0, 0, 0, 1 trend

Il metaverso è già teatro di molestie sessuali

Primi problemi per la piattaforma voluta da Meta: una utente di Horizon Worlds ha detto di essere stata molestata

21 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Sono passate solo poche settimane dalla creazione di Meta e dell’ampliamento del Metaverso, eppure arrivano i primi problemi per il gruppo a cui fa capo Facebook. All’interno della realtà virtuale di Zuckerberg si sarebbero infatti verificati casi di molestie sessuali.

È avvenuto tutto nella realtà virtuale di Horizon Worlds. Si tratta di una piattaforma dove è possibile riunire fino a 20 avatar alla volta per uscire, esplorare l’ambiente interattivo o costruire dall’interno il proprio mondo virtuale, come riporta il sito Ilgiornale.it.

L’increscioso episodio sarebbe accaduto a fine novembre, quando una utente oggetto delle attenzioni indesiderate ha denunciato l’accaduto sul gruppo Facebook dedicato ai beta tester di Horizon Worlds. La partecipante al beta test ha spiegato di essere stata accarezzata e toccata da uno sconosciuto, mentre con il suo avatar utilizzava la piattaforma.

Le molestie sessuali non sono uno scherzo già nella normale rete Internet, ma essere in realtà virtuale lo porta a tutto un altro livello di intensità” – ha scritto la donna – “Non solo sono stata toccata e molestata la scorsa notte, ma il supporto alle molestie di chi era intorno a noi mi ha fatta sentire isolata nella zona Plaza”.

E come ha risposto a queste dure accuse Meta? Ha replicato che si è trattato di un episodio “assolutamente sfortunato” e che la donna avrebbe dovuto attivare la “Safe Zone” per bloccare l’interazione di qualsiasi altro avatar con il suo. Purtroppo però nessuno sarebbe intervenuto per ricordarle tale opzione e anzi a quanto pare avrebbero colpevolmente sostenuto il molestatore. Fa storcere il naso anche il fatto di sostenere che alla base di questa vicenda ci sarebbe un errore della vittima, colpevole di non aver mantenuto la lucidità in un tale inaspettato frangente.

Intanto Vivek Sharma, vicepresidente di Horizon per Meta, ha fatto sapere che questo brutto episodio rappresenta un ottimo feedback che servirà per ottimizzare la funzione di protezione.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti