Il miracolo di David, rianimato da Cristiano Ronaldo

A Varsavia il ragazzino polacco ha incontrato il suo salvatore.

Fonte: Screenshot tratto da Twitter

Un sorriso a 32 denti stampato in faccia: David Pawlaczyk è una maschera di gioia, accanto a quello che è ben più di un beniamino calcistico, come lo è per tanti altri ragazzini, ma il suo vero e proprio salvatore: Cristiano Ronaldo.

Il profilo Twitter ufficiale del Real Madrid ha pubblicato una foto che ritrae David proprio con il campione portoghese e con i genitori. Ma occorre fare un passo indietro svelare chi sono i protagonisti di questa vicenda a lieto fine.

David Pawlaczyk è un ragazzino polacco che come i suoi coetanei era solito scorrazzare in bicicletta per le vie del suo quartiere, ma all'inizio dell'estate del 2013 a causa di un grave incidente sulle due ruote si è ritrovato su un letto di ospedale, immobile. In coma.

Ma dopo 100 giorni, il 19 novembre, ecco che è avvenuto il miracolo: le nazionali di calcio di Portogallo e Svezia si stavano fronteggiando nello spareggio per accedere ai Mondiali di Brasile 2014  quando – dopo che Zlatan Ibrahimovic aveva già segnato una doppietta – è salito in cattedra Cristiano Ronaldo, che in 5 minuti ha siglato una doppietta e regalato la qualificazione ai lusitani.

Proprio nei momenti dell’esultanza per il gol, con i commentatori televisivi che urlavano per il bis di prodezze dell'attuale campione europeo, David si è svegliato dal coma, giusto in tempo per guardare in tv le gesta di portoghesi e scandinavi fino al 90esimo.

Insomma, un miracolo calcistico che i genitori di David si commuovono tuttora a raccontare. Colpito dalla vicenda, lo stesso Ronaldo aveva invitato David e la sua famiglia ad assistere a una gara di Champions League tra il Real Madrid e il Borussia Dortmund. Ma mercoledì il ragazzino e il campione si sono abbracciati di nuovo: gli spagnoli sono ospiti del Legia Varsavia e sebbene lo stadio disti 6 ore di viaggio da casa di David, lui non ha voluto rinunciare e incontrare di nuovo il suo salvatore. Peccato solo che non possa gustarsi la partita alla Pepsi Arena: la partita è a porte chiuse.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti