0, 0, 1, 0, 0, 0, 0 trend

Il monaco cinese che ha salvato 8000 cani randagi

L'amore per gli animali è la sua ragione di vita

29 Giugno 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Zhi Xiang è un monaco buddista che da anni salva animali randagi che se non fosse per lui verrebbero prontamente soppressi. L’uomo dà a queste creature, soprattutto cani, una nuova vita nel suo antico monastero o in un rifugio che gestisce nella città cinese.

Zhi ha già quasi 8.000 cani da nutrire e accudire. Alcune centinaia verranno eventualmente reinsediate in Europa o in Nord America. Spinto dalla sua fede, il 51enne salva animali, per lo più cani ma anche gatti e altri randagi, dal 1994. “Devo salvarli perché se non lo faccio, moriranno di sicuro“, ha detto Zhi, come riporta Abc.net

Tutto è iniziato quando il monaco ha iniziato a curare i gatti investiti per strada. All’epoca c’erano pochi animali randagi, ma negli ultimi quattro o cinque anni la situazione è cambiata notevolmente, ha fatto sapere. La crescente ricchezza della Cina ha visto un boom nel mercato degli animali domestici, ma alcune persone semplicemente li abbandonano quando non vogliono più prendersene cura, ha spiegato Zhi: “Questo non è causato da persone a cui non piacciono i cani, o dal governo, ma dai cosiddetti amanti dei cani che non hanno una conoscenza adeguata della cura degli animali“.

Con l’aiuto di volontari e della sua piccola forza lavoro, Zhi tiene diverse centinaia di cani nel suo tempio Bao’en, dove è il capo dei monaci. Il tempio, che è ancora un luogo di culto, ospita anche una stanza piena di 200 gatti, insieme a una collezione disordinata di polli, oche e pavoni.

I più fortunati trovano una nuova casa con nuovi proprietari. Gli sfortunati, circa il 30 per cento dei cani che salva, muoiono di malattia o erano già troppo malati per essere salvati. Zhi non è un veterinario addestrato, ma il suo amore per gli animali, nel modo in cui li accarezza, li calma e li bacia, è evidente.

Zhi, che si alza alle 4 del mattino ogni giorno, non riceve soldi dal governo. Ha preso denaro in prestito dai suoi genitori e altri monaci e riceve elemosine dai donatori. Stima che i costi annuali siano di circa 12 milioni di yuan (2,45 milioni di dollari) e ha bisogno di 60 tonnellate di cibo per cani ogni mese. “Il problema è che non posso più prendere in prestito denaro ora”, ha detto.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti