Il nonno cammina 6 km per vedere la nipote attraverso la finestra

Ogni giorno il nonno arriva davanti casa del figlio per vedere la nipote attraverso un vetro: l'immagine è straziante, ma a suo modo piena di speranza

21 Aprile 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Josh Gillett Instagram

La quarantena sta mettendo a dura prova la quotidianità delle famiglie in tutto il mondo e, infatti, la storia che vi apprestiamo a raccontare arriva dagli Stati Uniti, e più precisamente dal Michigan. Joshua Gillett ha infatti pubblicato su Instagram una foto in cui appare mentre mostra la figlia appena nata al nonno, che può ammirarla però solo dalla finestra. Per quanto emozionante, l’immagine rappresenta tutti i limiti della pandemia causata dal Coronavirus. “Non è normale. Non è divertente. Anzi, è la peggior sensazione di sempre. So però che è temporanea” scrive infatti Joshua su Instagram.

“Oggi mio padre ha camminato per 6 chilometri per arrivare a casa nostra, così da poter vedere Elliana attraverso la finestra… di nuovo. – racconta Joshua – Ormai è diventata una cosa normale. Ma mi spezza il cuore sapere che mio padre non può tenere in braccio mia figlia…. Ad ogni modo, come potete vedere dalla faccia di mio padre, è travolto dalla gioia solo perché riesce a vederla. È riuscito a tenerla in braccio solo due volte prima che il Covid-19 ci costringesse alla quarantena. Odio il fatto di dover avere una finestra tra di noi e che sia il solo modo per farle conoscere suo nonno. Ma va bene, ricordo a me stesso che è temporaneo”.

“Però – continua Joshua – sento che è bene ricordarvi che dovete stare a casa. Dovete stare a casa per i neo-genitori che non vedono l’ora di far conoscere i loro figli al mondo. Per i nonni che vogliono tenere in braccio i nipoti più di qualsiasi altra cosa. Per le mamme in attesa e per i papà nervosi che stanno per dare il benvenuto a un nuovo membro della loro famiglia. Per i bisnonni che sanno che il tempo è un regalo. Per le aziende che non vedono l’ora di riaprire. Per le insegnanti e gli alunni che sono impazienti di tornare a scuola. E, soprattutto, state a casa per i dottori e gli infermieri che stanno combattendo in prima linea e che darebbero qualsiasi cosa per stare a casa con i loro figli. Se un nonno riesce a resistere dall’entrare in casa per mostrare affetto al suo primo nipote, anche il resto del mondo può farcela”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti