Il nuovo murales di Banksy a Dover

In Gran Bretagna è comparso un nuovo murales di Banksy, ispirato dalla Brexit

Fonte: Instagram

A Dover è comparso il nuovo murales di Banksy. L’opera è dedicata alla Brexit, e rappresenta un operai che cancella una stella dalla bandiera dell’Europa. Il murales, che ritrae un personaggio simbolo della classe lavoratrice e la legge che segna l’uscita della Gran Bretagna dall’Europa, si trova nelle vicinanze del porto di Dover.

La posizione e la tempistica non sono casuali, visto che il murales è comparso proprio nel giorno in cui in Francia, dall’altra parte della Manica, i francesi eleggevano come nuovo presidente Emmanuel Macron, che ha sempre difeso l’Ue.

L’opera, come altri murales dell’artista, è di grandi dimensioni ed è stato realizzato sulla parete di un edificio che si trova a poca distanza dall’area portuale in cui si trova il terminal dei traghetti che collegano il Regno Unito all’Europa. A confermare l’autenticità è stata l’agenzia britannica Pa, che ha interpellato una fonte molto vicina a Banksy.

L’artista-guerrigliero di Bristol ha voluto dare così la sua interpretazione della Brexit. Una delle sue ultime provocazioni era stata quella di inviare a Calais alcuni suoi lavori con la proposta di utilizzarli come scudi per i migranti accampati nella città portuale francese.

Quello di Banksy è tutt’oggi un mistero e in pochi sanno chi sia davvero l’artista. Su di lui si è detto tutto e il contrario di tutto. In tanti hanno pensato di essere riusciti ad individuare la sua identità, ma in realtà Banksy non si è mai svelato del tutto. Il nuovo murales dedicato alla Brexit dimostra ancora una volta la sua vocazione di artista controcorrente ed impegnato, pronto a difendere ciò in cui crede e a creare un dibattito se necessario. Mentre non è ancora chiaro chi sia questo writer misterioso, comparso ormai diversi anni fa con i suoi murales, è certo il valore altissimo delle sue opere che compaiono improvvisamente sui muri delle città in giro per il mondo. I prezzi dei suoi provocatori murale sono alle stelle e vanno da qualche decina di migliaia di euro a oltre 500mila euro. Non male per un artista che si definisce provocatorio e che sfugge ad ogni regola.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti