Il pisolino ideale? Mai oltre i 20 minuti: cosa si rischia

Gli effetti collaterali del pisolino pomeridiano potrebbero essere molto pesanti ma attenzione: basta tenere d'occhio l'orologio

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Stress da rientro al lavoro? Un pisolino pomeridiano, magari dopo pranzo, potrebbe aiutarvi. Occhio però all’orologio: non deve essere superiore ai 40 minuti, massimo un’ora.

Per un adulto dormire più di un’ora durante il giorno è deleterio: lo sostiene una ricerca della Guangzhou Medical University in Cina, della quale sono stati presentati i risultati al Congresso della European Society of Cardiology 2020 (Ecco il test per sapere come sta il tuo cuore)

I ricercatori hanno esaminato più di 20 studi, che avevano coinvolto in tutto 313mila partecipanti: su questo campione, il 39% si concedeva un pisolino durante il giorno ed è emerso che chi si concedeva lunghe dormite diurne (oltre i 60 minuti) era più soggetto a malattie cardiovascolari e vedeva aumentare del 30% il rischio di morte.

Dello stesso avviso anche i ricercatori dell’American College of Cardiology, che hanno condotto uno studio sulle abitudini di riposo diurno, analizzando il rapporto fra la lunghezza dei riposini pomeridiani e lo stato di salute di chi li fa. E’ emerso che chi dorme per più di un’ora durante il giorno rischia molto di più di sviluppare diabete, colesterolo alto e obesità.

Perchè accade questo? Gli studiosi non sono riusciti ancora a dare una risposta, ma sono orientati su alcuni processi infiammatori che si attiverebbero durante il sonno diurno e causerebbero danni a vari organi.

Fan della pennichella però non disperatevi, c’è anche una buona notizia: cinesi e americani sono concordi nell’affermare che un riposino breve, di circa 20 minuti, soprattutto per chi la notte non dorme molto o molto bene, è tonificante e salutare. In questo lasso di tempo, infatti, il cervello ha tempo di ricaricarsi e rigenerarsi, senza però causare danni all’organismo.

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti