Il Presidente che andava matto per la carne di tartaruga

Anche i Presidenti USA hanno gusti molto originali a tavola, come dimostra questa storia

28 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Conosci in ordine cronologico i nomi di tutti i 46 presidenti degli Stati Uniti? Non sono molte le persone in grado di farlo, anche perché generalmente conosciamo quelli citati nei libri di storia. Certo, tutti conoscono George Washington, Thomas Jefferson e Theodore Roosevelt così come John Fitzgerald Kennedy, ma ce n’è uno a cui si lega una stramba curiosità.

È Chester A. Arthur, un uomo che occupò la Casa Bianca sul finire dell’Ottocento e che era pazzo per la bistecca di tartaruga. Come riporta Mashed.com anche altri presidenti dell’inizio del XIX secolo avevano dei gusti piuttosto stravaganti: secondo The Awl, Andrew Jackson amava i vini francesi, mentre John Tyler preferiva lo champagne con il suo “pudding grato” (un tipo di budino di pane che appare in “The Art of Cookery Made Plain” del 1747). A Martin Van Buren piaceva la testa di cinghiale, mentre a Zachary Taylor piaceva la cucina cajun più di 100 anni prima che Emeril Lagasse la rendesse trendy.

Chester A. Arthur era un uomo del suo tempo, essendo quella vittoriana, e i suoi gusti lo riflettono. Come ogni uomo benestante di quei tempi, gli piaceva apparecchiare una tavola sontuosa, ed ebbe la fortuna di vivere in un’epoca in cui la parola “dieta” non faceva davvero parte del vocabolario di nessuno. Mentre era in carica, questo First Foodie (o gourmand, come erano conosciuti all’epoca) ha cenato con alcuni dei migliori prodotti alimentari su cui i suoi chef potevano mettere le mani.

Anche se i documenti non sembrano mostrare l’esatto tipo di tartaruga che Arthur mangiava, NPR dice che era probabilmente la tartaruga d’acqua dolce, una specie quasi portata all’estinzione proprio per il suo essere la più grande moda alimentare del 19° secolo. Abbastanza stranamente, l’unica cosa che ha salvato questa specie dall’essere completamente spazzata via è stato il proibizionismo poiché semplicemente non si poteva fare la zuppa di tartaruga senza lo sherry.

Oggi non è ancora possibile mangiare le tartarughe: la maggior parte delle specie di tartarughe marine è in pericolo e quindi la loro raccolta per il cibo è vietata dalla legge federale sulle specie minacciate di estinzione.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti