Il re dei narcos El Chapo estradato negli Usa. Rischia la morte

Arrivato a New York, dovrebbe apparire in tribunale già oggi

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 20 gen. (askanews) – Il potente narcotrafficante Joaquin El Chapo Guzman, leader indiscusso del cartello di Sinaloa, è stato estradato dal Messico negli Stati uniti, dopo la decisione della Corte suprema di respingere il suo ultimo ricorso. Guzman, che si opponeva all’estradizione, è stato consegnato “alle autorità americane”, ha indicato il ministero degli Affari esteri messicano. El Chapo, accusato di avere introdotto negli Stati uniti ingenti quantitativi di droga e di avere alimentato la guerra fratricida tra i narcos in Messico, è già arrivato a New York. E’ perseguito penalmente in Texas e California per traffico di droga, omicidio e riciclaggio.

L’aereo che trasportava il narcotrafficante messicano è atterrato all’aeroporto Long Island McArthur a Islip, nello Stato di New York. Secondo i media americani, dovrebbe comparire già oggi davanti a un tribunale federale di Brooklyn.

Il dipartimento americano di Giustizia ha espresso la sua “gratitudine” al governo messicano “per la sua larga cooperazione e assistenza al fine di garantire l’estradizione di Guzman”, hanno indicato le autorità di Washington.

Dopo il suo arresto nel gennaio del 2016, nella sua roccaforte di Sinaloa, nel Nord-Ovest del Messico, “El Chapo” è stato rinchiuso nel carcere di El Altiplano, da dove era scappato in un modo incredibile nel luglio 2015 da un tunnel lungo più di un chilometro di lunghezza.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti