Il record del cuculo PJ: in 5 anni ha percorso 80mila km

Il cuculo PJ è diventato leggenda tra i suoi simili: il viaggio lungo 80mila km lo ha portato ad attraversare il Sahara 10 volte

1 Maggio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Un cuculo di nome PJ ha appena battuto un record impressionante: ha viaggiato per più di 80.000 chilometri negli ultimi cinque anni durante la migrazione da e verso il Regno Unito. I cuculi comuni trascorrono i loro inverni in Africa e migrano nel Regno Unito in primavera per riprodursi: secondo il British Trust for Ornithology, in genere arrivano tra la fine di aprile e l’inizio di maggio ma nel corso degli anni il numero di volatili è rapidamente sceso tanto da far preoccupare gli scienziati.

Parliamo del 65% in meno dagli anni ’80 nel Regno Unito: la diminuzione ha portato alla segnalazione dei cuculi come uccelli a rischio, dunque bisognosi della massima priorità di conservazione.

Per capire meglio perché le popolazioni di cuculo stanno diminuendo, il BTO ha lanciato il Cuckoo Tracking Project nel 2011 per monitorare gli uccelli durante la loro migrazione intercontinentale. Il team ha inserito un localizzatore su PJ nel 2016, come parte del progetto di monitoraggio e da allora, hanno monitorato i viaggi del cuculo nel deserto del Sahara e nella Costa d’Avorio dell’Africa, attraverso la Francia e la Spagna, e infine di nuovo nel Suffolk, in Inghilterra, dove è stato trovato per la prima volta.

PJ è il primo uccello del Cuckoo Tracking Project a completare cinque migrazioni verso il suo terreno di riproduzione inglese attraversando il Sahara 10 volte.

Chris Hewson, lo scienziato a capo del Cuckoo Tracking Project lo ha definito straordinario: “Normalmente i cuculi migrano in Africa attraverso la Spagna o l’Italia e mantengono la stessa rotta ogni anno, ma PJ ha utilizzato entrambe le rotte, e una in mezzo, nel corso dei cinque anni; e, infatti, lo scorso autunno, si è fermato sia in Spagna che in l’Italia”.

Cambiando rotta, PJ potrebbe essere stato in grado di evitare condizioni sfavorevoli durante la sua migrazione e quindi aumentare le sue possibilità di sopravvivenza, ha riflettuto l’esperto.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti